Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

All'operazione ha collaborato anche il cane antidroga della Polizia locale

COCAINA NASCOSTA IN BOCCA PER NON FARSI SCOPRIRE

Spacciatore nigeriano arrestato dai carabinieri a Treviso


TREVISO - Per sfuggire ai controlli si spostava rapidamente in bicicletta e nascondeva le palline di cocaina in bocca. I Carabinieri di Treviso, però, l'hanno comunque colto in flagrante, grazie anche all'aiuto di Trixie, il cane antidroga della Polizia locale. Le manette, martedì sera, sono scattate ai polsi di uno spacciatore di origine nigeriana, O. H., 44 anni, regolare in Italia e domiciliato a Silea. Gli investigatori del Nucleo operativo e radiomobile, che si fingevano normali frequentatori di un vicino parco, intorno alle 19, hanno sorpreso il pusher in via Don Minzoni, mentre cedeva una dose di modica quantità ad un ragazzo trevigiano. I Carabinieri, già da qualche tempo, monitoravano il giardino pubblico in questione e, oltre all’occasionale cliente, nel corso delle indagini, sono stati identificati altri acquirenti, tutti trevigiani, segnalati alla prefettura come assuntori.
In seguito all’arresto, i militari hanno perquisito anche l'abitazione dell'africano, dove sono stati sequestrati circa 400 euro, in banconote di vario taglio, verosimile provento dell’attività di spaccio.
Le operazioni, come accennato, sono state condotte con il supporto dell'unità cinofila della Polizia Locale di Treviso, a rimarcare l’efficace collaborazione tra le forze dell’ordine del capoluogo per un proficuo controllo del territorio. L'immigrato, dopo l’arresto, è stato messo a disposizione della locale Procura della Repubblica, di fronte alla quale dovrà rispondere del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.