Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/262: LA PRIMA VOLTA DEL MASTERS IN ROSA

Sfida tra le migliori 72 dilettanti sul mitico Augusta National


AUGUSTA - Si tratta di un evento storico per il golf femminile: per la prima volta il Masters in rosa.A giocare all’Augusta National, il mitico percorso voluto da Bobby Jones, sono le migliori 72 dilettanti del mondo. Tra loro, quattro azzurre: Virginia Elena Carta, Caterina Don, Alessandra...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

All'operazione ha collaborato anche il cane antidroga della Polizia locale

COCAINA NASCOSTA IN BOCCA PER NON FARSI SCOPRIRE

Spacciatore nigeriano arrestato dai carabinieri a Treviso


TREVISO - Per sfuggire ai controlli si spostava rapidamente in bicicletta e nascondeva le palline di cocaina in bocca. I Carabinieri di Treviso, però, l'hanno comunque colto in flagrante, grazie anche all'aiuto di Trixie, il cane antidroga della Polizia locale. Le manette, martedì sera, sono scattate ai polsi di uno spacciatore di origine nigeriana, O. H., 44 anni, regolare in Italia e domiciliato a Silea. Gli investigatori del Nucleo operativo e radiomobile, che si fingevano normali frequentatori di un vicino parco, intorno alle 19, hanno sorpreso il pusher in via Don Minzoni, mentre cedeva una dose di modica quantità ad un ragazzo trevigiano. I Carabinieri, già da qualche tempo, monitoravano il giardino pubblico in questione e, oltre all’occasionale cliente, nel corso delle indagini, sono stati identificati altri acquirenti, tutti trevigiani, segnalati alla prefettura come assuntori.
In seguito all’arresto, i militari hanno perquisito anche l'abitazione dell'africano, dove sono stati sequestrati circa 400 euro, in banconote di vario taglio, verosimile provento dell’attività di spaccio.
Le operazioni, come accennato, sono state condotte con il supporto dell'unità cinofila della Polizia Locale di Treviso, a rimarcare l’efficace collaborazione tra le forze dell’ordine del capoluogo per un proficuo controllo del territorio. L'immigrato, dopo l’arresto, è stato messo a disposizione della locale Procura della Repubblica, di fronte alla quale dovrà rispondere del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.