Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/157: IN MALESIA TRIONFA IL "QUASI ITALIANO" ZANOTTI

Tra gli azzurri bene Manassero e Paratore, "tagliato" Molinari


Prova impegnativa, per Nino Bertasio, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Matteo Manassero, gli azzurri impegnati al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia, nel torneo dell’European Tour organizzato dal 9 al 12 febbraio in collaborazione con Asian Tour. In palio c’erano 2.810.000...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/156: SERGIO GARCIA È IL MIGLIORE AL DESERT CLASSIC

A Dubai grandi nomi e... neve, delude Tiger Woods


DUBAI - Dal 2 al 5 febbraio, l’evento dell’European Tour che ha visto la partecipazione di Tiger Woods, e cui prendevano parte anche gli azzurri Matteo Manassero, Renato Paratore e Nino Bertasio. All’Emirates GC di Dubai Par 72. A difendere il titolo, era l’inglese Danny...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/155: I 25 ANNI DEL CLUB "I SALICI" DI TREVISO

Tra gli eventi per l'anniversario anche una Lousiana a due


TREVISO - Domenica 29 gennaio è partita la prima delle gare di corollario, al festeggio delle nozze d’argento che il Golf Club "I Salici" di Treviso celebra quest’anno: una gara di coppia, Louisiana a due. Ho avuto l’opportunità di partecipare anch’io, ed...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ca' Sugana aveva bloccato l'appalto per mancanza dei requisiti

SISTEMA DELLA SOSTA, IL TAR DÀ RAGIONE AL COMUNE

Respinta la sospensiva richiesta dalla ditta napoletana


TREVISO - Il Comune di Treviso resiste in giudizio e il Tar del Veneto non accoglie l'istanza di sospensiva presentata da Tmp Srl, la società con sede a Portici, in provincia di Napoli, a cui era stata aggiudicata provvisoriamente la concessione servizio di gestione della sosta con parcheggio a pagamento. Il Comune aveva, infatti, proceduto alla verifica, come previsto dalla normativa, riguardo al possesso dei requisiti tecnici dichiarati. L’approfondita istruttoria, spiegano da Ca' Sugana, si è protratta per circa due mesi a causa delle sempre evasive risposte da parte dell'azienda. Neppure il sopralluogo, effettuato con propri tecnici, ha permesso di accertare con un sufficiente grado di attendibilità se la società avesse gestito almeno un sistema tecnologico con caratteristiche simili a quelle in uso nel capoluogo della Marca. Era questa una delle clausole poste dal bando di gara, a pena di esclusione. Né la ditta né il Comune di Portici si erano presentati alla verifica, come preventivamente richiesto da Ca' Sugana. Di qui la decisione di dichiarare inefficace l’aggiudicazione con la conseguente esclusione della società.
Ora i giudici del Tar hanno segnato un punto a favore dell'amministrazione Manildo. “Le ostinate polemiche da parte di alcuni componenti della minoranza si sono rivelate pretestuose – dichiara l’assessore alle Partecipate, Alessandra Gazzola –. Avevamo ragione e i fatti lo hanno dimostrato: la procedura di verifica ha evidenziato che la società non aveva i requisiti richiesti nel bando e noi lo abbiamo provato. Ma ciò che è più importante è garantire ai cittadini dei servizi realmente efficienti. Questo è l’obiettivo primario di chi amministra il bene comune”.