Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ca' Sugana aveva bloccato l'appalto per mancanza dei requisiti

SISTEMA DELLA SOSTA, IL TAR DÀ RAGIONE AL COMUNE

Respinta la sospensiva richiesta dalla ditta napoletana


TREVISO - Il Comune di Treviso resiste in giudizio e il Tar del Veneto non accoglie l'istanza di sospensiva presentata da Tmp Srl, la società con sede a Portici, in provincia di Napoli, a cui era stata aggiudicata provvisoriamente la concessione servizio di gestione della sosta con parcheggio a pagamento. Il Comune aveva, infatti, proceduto alla verifica, come previsto dalla normativa, riguardo al possesso dei requisiti tecnici dichiarati. L’approfondita istruttoria, spiegano da Ca' Sugana, si è protratta per circa due mesi a causa delle sempre evasive risposte da parte dell'azienda. Neppure il sopralluogo, effettuato con propri tecnici, ha permesso di accertare con un sufficiente grado di attendibilità se la società avesse gestito almeno un sistema tecnologico con caratteristiche simili a quelle in uso nel capoluogo della Marca. Era questa una delle clausole poste dal bando di gara, a pena di esclusione. Né la ditta né il Comune di Portici si erano presentati alla verifica, come preventivamente richiesto da Ca' Sugana. Di qui la decisione di dichiarare inefficace l’aggiudicazione con la conseguente esclusione della società.
Ora i giudici del Tar hanno segnato un punto a favore dell'amministrazione Manildo. “Le ostinate polemiche da parte di alcuni componenti della minoranza si sono rivelate pretestuose – dichiara l’assessore alle Partecipate, Alessandra Gazzola –. Avevamo ragione e i fatti lo hanno dimostrato: la procedura di verifica ha evidenziato che la società non aveva i requisiti richiesti nel bando e noi lo abbiamo provato. Ma ciò che è più importante è garantire ai cittadini dei servizi realmente efficienti. Questo è l’obiettivo primario di chi amministra il bene comune”.