Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Perlustrati i sentieri anche con i cani: nessun segno del 36enne

ESCURSIONISTA SCOMPARSO, NON SI RISOLVE IL GIALLO

Ancora senza esito le ricerche di Stefano Barosco


CENCENIGHE AGORDINO - Neppure la giornata di ricerca di martedì è riuscita a far luce sulla scomparsa di Stefano Barosco, l'escursionista trevigiano di 36 anni di cui non si ha più notizia dallo scorso 3 settembre, quando è stato visto l'ultima volta in località Prà de Mur.
Alle 8.15 le squadre sono state elitrasportate nei diversi punti da perlustrare dall'elicottero AB412 della Sezione aerea di Bolzano della Guardia di Finanza, che poi ha provveduto anche al recupero nella fase di rientro. Sono stati ritentati tutti i sentieri perlustrati nei giorni scorsi, allargando l'indagine anche alla porzione più alta dell'itinearario che da Prà de Mur porta a Ru del Fin Alto, dove l'escursionista era intenzionato a dirigersi. La conformazione dell'area, con la fitta vegetazione, rende difficile scandagliare completamente la superficie. Su indicazioni precise dei cacciatori locali che conoscono alla perfezione il territorio, sono state perlustrate anche tracce secondarie nella zona della Palazza, che avrebbero potuto trarre in inganno Stefano allontanandolo dal percorso corretto, sorvolate dall'elicottero dei Vigili del fuoco con a bordo personale del Soccorso alpino di Agordo. L'unità cinofila molecolare è stata accompagnata alla casera dove un ragazzo ha visto per l'ultima volta Stefano, il 3 settembre: il Bloodhound è stato indeciso di fronte a un bivio (proprio in direzione della Palazza) per poi marcare una zona, controllata attentamente dai soccorritori senza esito. Erano presenti il Soccorso alpino di Agordo, Val Biois e Alleghe con diverse unità cinofile, i Vigili del fuoco permenenti e volontari di Agordo, i militari delle Stazioni del Sagf di Cortina e Passo Rolle. Il Soccorso alpino, che anche nei giorni a venire continuerà in ogni caso a recarsi nei luoghi della scomparsa, resta in attesa di eventuali sviluppi o nuove informazioni per poter far ripartire l'intera macchina della ricerca. Ricordiamo che chiunque possa ricordare di aver visto Stefano o abbia sue notizie è pregato di rivolgersi ai carabinieri.