Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Insieme a due complici usava un locale di Fossalunga per lo spaccio

GIRO DI COCAINA NEI BAR, SI COSTITUISCE IL TERZO UOMO

Ricercato 41enne si è presentato al carcere di S. Bona


TREVISO - Era ricercato con l'accusa di essere coinvolto in un giro di spaccio di cocaina in provincia di Treviso. Ora si è costituito: rientrato dall'estero, dove si trovava, M. Z., 41enne residente ad Istrana, si è presentato spontaneamente al carcere di Santa Bona, a Treviso, accompagnato dal suo avvocato.
Su di lui pendeva un ordine di custodia cautelare. Secondo quanto ricostruito dalla Squadra Mobile della Questura di Treviso, infatti, il 41enne era parte di un gruppo dedito a smerciare cocaina e che utilizzava, allo scopo, il bar “400” di Fossalunga di Vedelago. Nell'ambito dell'indagine, nei giorni scorsi erano già finiti ai domiciliari, il 47enne titolare del pubblico esercizio e un 42enne albanese.
Dal 2014, i tre avrebbero usato alcuni bar della cintura urbana di Treviso come punti di spaccio della sostanza stupefacente. A finire il carcere è stato il 41enne, perchè ritenuto la mente del sodalizio e socialmente pericoloso.