Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La 19enne moglianese trionfa alle Paralimpiadi

BEBE VIO FIORETTO D'ORO A RIO DE JANEIRO

Finale contro la cinese senza storia, successo per 15-7


RIO DE JANEIRO - Ennesimo trionfo per Beatrice "Bebe" Vio, e stavolta è il più prestigioso: l'oro alle Paralimpiadi. Nella finale del torneo di fioretto femminile, categoria B, la cinese Jingjing Zhou con il risultato di 15-7, nonostante una fiorettata in testa sul 14-6 che ha bloccato l’incontro per qualche minuto.
Il coronamento di un filotto fantastico: Europei, Mondiali, Coppa del Mondo ed ora l'oro a cinque cerchi, per la 19enne di Mogliano Veneto, portacolori del gruppo sportivo della Polizia di Stato, ma cresciuta sportivamente alla Scherma Mogliano, dove tuttora si allena sotto la guida della maestra Federica Berton. E amici e compagni di sala, oltre che davanti alla tivù, hanno tifato per lei anche davanti al maxischermo allestito per l'occasione in piazza, nella cittadina trevigiana. Mancava solo la consacrazione olimpica, per questa giovanissima campionessa e per il suo amore per questo sport, che come più volte ha raccontato lei stessa, l'ha spinta a tornare a tirare il più presto possibile, dopo l'infezione che l'ha costretta all'amputazione di braccia e gambe.
Un percorso coi fiocchi quello di Bebe sulle pedane della Carioca Arena: ha sconfitto tutte le avversarie nei primi turni ad eliminazione diretta, prevalendo su Briese Baetke (Germania), Alesia Makrytskaya (Bielorussia), Yuen Ping Chung (Hong-Kong), Irma Khetsuriani (Georgia) e Fang Yao (Cina). Nei quarti di finale si è sbarazzata di Marta Makowska (Polonia) per poi incontrare nuovamente la cinese Yao in semifinale. A coronare questi grandissimi risultati, Beatrice ha dovuto affrontar la cinese Jing Jing Zhou nella finalissima. Un match iniziato con grande determinazione mettendo diverse stoccate di fila che hanno da subito innalzato il gap sull’avversario. La Zhou, in vistosa difficoltà, ha rimediato anche due cartellini gialli che gli hanno fatto perdere un punto. Emozione, grinta e felicità tanto che Bebe si è messa a ridere nonostante stesse soffrendo allo stesso tempo. Urla ed esplosione dell’arena al suo 15esimo punto che ha fissato il risultato di 15-7 in soli 30 secondi. Poi l'urlo (bissato poco dopo via Facebook): "Oroooo!!!"