Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A valutare i documentari sull'immigrazione un gruppo di richiedenti asilo

SOLE LUNA FESTIVAL, IL GRAN FINALE CON I VINCITORI

A Palazzo dei Trecento i verdetti delle cinque giurie


TREVISO - Arriva a conclusione il programma di Sole Luna DOC Film Festival, la rassegna di film documentari organizzata da Sole Luna – Un ponte tra le culture con il patrocinio della Città di Treviso.
Grande attesa per l’appuntamento di stasera a Palazzo dei Trecento, dove le cinque giurie del Festival saranno chiamate a decretare i vincitori delle rispettive categorie.
In sala, anche i sei richiedenti asilo, residenti presso la famiglia Calò a Camalò di Povegliano, che compongono la giuria Africa e che il Festival quest’anno ha voluto coinvolgere all’interno del progetto culturale, con l’obiettivo di dare voce a tutte le componenti del tessuto sociale cittadino.
“Sole Luna DOC Film Festival offre alla città di Treviso qualcosa che non c’era – commenta il presidente del Consiglio Comunale, Franco Rosi – Siamo abituati a vedere attraverso i media solo le tappe finali di un lungo viaggio della speranza di persone che giungono da paesi di diversi continenti. Nella maggior parte dei casi, però, non conosciamo realmente le condizioni di vita e il dramma umano che li ha costretti a partire. La consapevolezza delle dinamiche e delle ragioni degli esodi potrebbe aiutarci a capire la realtà di questi mondi lontani geograficamente e culturalmente, e quindi a studiare la progettazione di infrastrutture che, in maniera sostenibile, potrebbero contribuire alla crescita del benessere di queste popolazioni nei loro luoghi nativi.”
"Siamo fieri che il nostro Festival sia parte integrante di quel “rinascimento culturale” che sta vivendo la città di Treviso – afferma Lucia Gotti Venturato, presidente di Sole Luna - Un Ponte tra le Culture e del festival – e il fatto di essere stati ospitati nella sede più prestigiosa della città, il Palazzo dei Trecento, o meglio il Palazzo della Ragione, ci conforta ulteriormente sulla centralità del ruolo che questa amministrazione e i cittadini attribuiscono alla manifestazione: non solo una rassegna di film documentari, ma un appuntamento di alto valore educativo, che attraverso le vite degli “altri” sta aprendo le coscienze di un pubblico ogni sera sempre più numeroso. Insieme stiamo vivendo un cambiamento e stiamo costruendo un pezzo di storia della città. I trevigiani si sono dimostrati molto interessati ai nostri programmi, partecipando, interagendo e condividendo la nostra naturale inclinazione a scoprire mondi vicini e lontani. Dal Palazzo dei Trecento di Treviso abbiamo aperto una porta sul mondo".
"Il principio che tiene unita ogni società è il rispetto – prosegue Gotti Venturato - e lo strumento per applicarlo è l’inclusione. Il Sole Luna ha espresso diverse giurie: una giuria della Città, una di studenti delle scuole superiori, un’altra composta da universitari del DAMS, una giuria del Festival, che assegna il premio intitolato al suo cofondatore Rubino Rubini, e infine una giuria composta da un gruppo di richiedenti asilo, la giuria Africa. Anche attraverso le loro dichiarazioni e motivazioni dei premi avremo modo di conoscere meglio il nostro vicino di casa che ha origini straniere e il nostro compagno di banco nato a Treviso, ma con radici culturali e religiose diverse. All’hashtag #crearelegami della campagna di comunicazione 2016 aggiungo il motto Sole Luna: la diversità crea ricchezza".