Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ed ora il Carroccio punta sui comuni di Conegliano e Treviso

"MANILDO NON RISPECCHIAVA GLI ELETTORI TREVIGIANI"

La Lega Nord si gode il successo in Provincia


TREVISO - Dopo il quasi en plein alla passata tornata di comunali, la Lega conquista anche la Provincia, seppure con il nuovo metodo di voto riservato solo a sindaci e consiglieri locali.
Non può che essere soddisfatto, Dimitri Coin, segretario provinciale della Lega Nord - Liga Veneta, tanto più perchè - ribadisce - "l'elezione di Stefano Marcon non era così scontata, come qualcuno pensava". Pur frutto di una riforma molto contestata dal Carroccio e dai suoi alleati, il risultato del Sant'Artemio, conferma Coin, manda un chiaro segnale politico. "Se avesse vinto Manildo non sarebbe stato il riflesso dell'orientamento della maggioranza degli elettori della Marca", ribadisce il leader della Lega trevigiana. Una vittoria, quella del sindaco di Castelfranco, che ha visto anche in centrodestra unito.
E Coin, incassata anche l'ulteriore benedizione di uno dei padri nobili della Lega della Marca, Gian Paolo Gobbo, può guardare ai prossimi obiettivi: il comune di Conegliano, al voto il prossimo anno, e soprattutto la riconquista di Treviso nel 2018.

Galleria fotograficaGalleria fotografica