Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le donne denunciate per sfruttamento della prostituzione

SCOPERTO A SUSEGANA CENTRO ESTETICO HARD

Stabile sotto sequestro, obbligo di firma per le due titolari cinesi


SUSEGANA - Un centro massaggi con prestazioni un po' particolari. Sorgeva quasi in centro a Susegana lungo la Pontebbana il centro estetico gestito da due cinesi di 55 e 52 anni che sabato è stato posto sotto sequestro dai carabinieri della stazione di Conegliano
Le indagini sono partite in primavera a seguito di alcune segnalazioni da parte dei residenti insospettiti dal continuo via vai di clienti.
Oltre 100 i clienti sentiti dagli inquirenti, una ottantina quelli che hanno confermato di frequentare il centro per le particolari prestazioni offerte.
All’interno oltre alle due titolari lavorava una trentenne sempre di nazionalità cinese; le due donne ora sono ai domiciliari con obbligo di firma per il reato di sfruttamento della prostituzione.