Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/166: I GIORNALISTI GOLFISTI SI SFIDANO IN EMILIA

Il Challenge Aigg fa tappa al club Le Fonti e Bologna


BOLOGNA - Siamo in Emilia, per la terza e quarta tappa del Challenge Aigg Diavolina, e la prima giornata è al Club “Le Fonti”. Ci affacciamo ai piedi dell’appennino tosco emiliano in comune di Castel San Pietro Terme, appena un po’ a est di Bologna sulla storica Via...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA È IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La grande scultura di Staglieno è stata realizzata nel 1931

ECCO IL MONUMENTO DI PIAZZA DELLA VITTORIA RIMESSO A NUOVO

Dopo il restauro, sabato la riconsegna del memoriale ai caduti


TREVISO - Un restauro le ha ridato lustro. Conclusi i lavori, sabato, alle 10.30 si terrà la cerimonia di riconsegna alla città della ‘Gloria’, il monumento di Arturo Stagliano in Piazza della Vittoria. L’evento si inserisce nelle iniziative che l’assessorato ai beni culturali ha predisposto in occasione del 150° anniversario dell’unione del Veneto all’Itali.
Il monumento, dedicato ai caduti di tutte le guerre, è stato oggetto anche di un apposito convegno.
"Un vero esempio di partecipazione dei cittadini alla costruzione dell’identità cittadina – sottolinea l’assessore ai Beni culturali, Luciano Franchin- perché i trevigiani contribuirono con una pubblica raccolta di fondi al finanziamento dell’opera. Si tratta di una sensibilità civica che anche oggi potrebbe sostenere i beni culturali della città. Ora il monumento viene per cosi dire reinaugurato e l’importante e accuratissimo restauro a cura dell’impresa Mauro Vita restituisce alla città uno dei suoi monumenti più significativi”.

Storia della ‘Gloria’

Il Monumento ai caduti di Piazza della Vittoria è stato inaugurato alla presenza del Re il 4 novembre 1931. E' opera dello scultore Arturo Stagliano (1876-1936) artista di notevole livello originario di Campobasso e residente a Torino negli anni della sua più significativa attività: l'opera trevigiana appartiene al suo periodo maturo e va annoverata tra i suoi capolavori.
Il Monumento è l'esito di un pubblico concorso a livello nazionale avviato da un Comitato cittadino nel 1926 e sostenuto da una pubblica sottoscrizione. Il concorso intese non solo creare un'opera d'arte di alto significato, ma prevedere la contestuale riqualificazione di un'area cittadina (all'epoca piazze Bressa e Cavallerizza) piuttosto dimessa.
Al concorso parteciparono 38 artisti. Con votazione unanime venne prescelto il progetto di Stagliano: della commissione giudicatrice fecero parte illustri tecnici, tra cui Leonardo Bistolfi, uno degli scultori più conosciuti all'epoca.
Il valore dell’opera è stato sottolineato, in un convegno a palazzo dei trecento, da Monica Pregnolato della Soprintendenza di Venezia che ha messo in luce il valore artistico del complesso monumentale tra i più importanti a livello nazionale.
La storia di questo monumento è interessante anche per la scelta del sito (l’attuale Piazza Vittoria) che dall’opera d’arte ricevette nuova vita e rivalutazione, come ben chiarito da Carolina Pupo che ha presentato il processo che condotto l’amministrazione comunale di allora alla scelta dell’artista e alla collocazione dell’opera.

Galleria fotograficaGalleria fotografica