Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 6 settembre scorso l'incidente aereo in Macedonia

RIENTRATE A TREVISO LE SALME DEL PIPER

Atterrato al Canova il volo militare con i corpi di 5 vittime


TREVISO - Decollato da Skopje poco dopo l'una, è atterrato nel primo pomeriggio sulla pista dell'aeroporto Canova di Treviso, il C27 dell'Aeronautica militare con a bordo le salme dei cinque italiani morti nello schianto del loro Piper, poco lontano dalla capitale macedone, il 6 settembre scorso. Si tratta di Francesco Montagner, presidente dell'Aeroclub Treviso, Dario Bastasin vicepresidente dello stessa associazione, Luca Dalle Mulle, Angelo Callegari e Ilaria Berti. Una sesta vittima, Visar Degaj, di nazionalità kosovara, ha raggiunto il suo paese d'origine via terra. La restituzione dei corpi ai familiari è stata possibile dopo una complicata fase di riconoscimento condotta attraverso l'analisi comparativa del Dna e conclusa solo pochi giorni fa.