Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/268: L'U. S. OPEN METTE IN PALIO LA LEADERSHIP MONDIALE

Trionfa Gary Woodland, a Molinari non riesce la rimonta


PEBBLE BEACH (USA) - È il terzo major stagionale americano, ha luogo a Pebble Beach Golf Links in California, una delle maggiori sedi di Golf nel mondo. Sono due gli azzurri a disputare questo importante torneo. Francesco Molinari è affiancato da Renato Paratore, il giovane romano che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 6 settembre scorso l'incidente aereo in Macedonia

RIENTRATE A TREVISO LE SALME DEL PIPER

Atterrato al Canova il volo militare con i corpi di 5 vittime


TREVISO - Decollato da Skopje poco dopo l'una, è atterrato nel primo pomeriggio sulla pista dell'aeroporto Canova di Treviso, il C27 dell'Aeronautica militare con a bordo le salme dei cinque italiani morti nello schianto del loro Piper, poco lontano dalla capitale macedone, il 6 settembre scorso. Si tratta di Francesco Montagner, presidente dell'Aeroclub Treviso, Dario Bastasin vicepresidente dello stessa associazione, Luca Dalle Mulle, Angelo Callegari e Ilaria Berti. Una sesta vittima, Visar Degaj, di nazionalità kosovara, ha raggiunto il suo paese d'origine via terra. La restituzione dei corpi ai familiari è stata possibile dopo una complicata fase di riconoscimento condotta attraverso l'analisi comparativa del Dna e conclusa solo pochi giorni fa.