Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sabato sarà ricollocato nello stesso punto di 50 anni fa

RITORNA A CASA IL MONUMENTO ALL'EMIGRANTE DI SERNAGLIA

La statua sottoposta ad un restauro di quasi otto mesi


SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA - Ritorna a "casa", dopo un restauro durato quasi otto mesi, il Monumento all'Emigrante. Uno dei simboli più amati dai sernagliesei sarà risistemato in piazza Martiri, di fronte al municipio: sabato 24, alle 11, la cerimonia ufficiale, promossa dall'amministrazione comunale.
Era il 27 gennaio scorso quando la statua in ferro battuto venne trasferita in un laboratorio specializzato, per essere sottoposta a una manutenzione straordinaria considerata da tecnici e amministratori non più rinviabile, a causa della ruggine che stava corrodendo in più punti l'opera. Il progetto e l'esecuzione del restauro sono stati commissionati dal Comune per una spesa di 8.900 euro più Iva alla Fucina Ervas di Preganziol.

La manutenzione ha dovuto fare i conti con i segni del tempo: in più punti, infatti, erano evidenti i segni di colatura della ruggine e di un'iniziale corrosione sotto la pellicola pittorica. Sulla “schiena” dell'emigrante erano evidenti lacune con corrosioni avanzate, mentre altre parti presentavano i segni di un iniziale indebolimento del rivestimento, sintomo del naturale invecchiamento della pittura.
La pulitura ha messo in luce una serie di particolari non visibili in precedenza, come le "cuciture" sulla valigia dell'emigrante, i dettagli dei capelli e degli occhi e i segni della lavorazione. Molta attenzione è stata riservata anche all'interno, dove attraverso i fori sono stati spruzzati del convertitore di ruggine e della pittura per proteggere il più possibile da fenomeni di corrosione da condensa.
Ora, a restauro ultimato, il monumento all'Emigrante sarà ricollocato nella stessa posizione in cui sorgeva da quando venne inaugurato, quasi mezzo secolo fa.