Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sabato sarą ricollocato nello stesso punto di 50 anni fa

RITORNA A CASA IL MONUMENTO ALL'EMIGRANTE DI SERNAGLIA

La statua sottoposta ad un restauro di quasi otto mesi


SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA - Ritorna a "casa", dopo un restauro durato quasi otto mesi, il Monumento all'Emigrante. Uno dei simboli più amati dai sernagliesei sarà risistemato in piazza Martiri, di fronte al municipio: sabato 24, alle 11, la cerimonia ufficiale, promossa dall'amministrazione comunale.
Era il 27 gennaio scorso quando la statua in ferro battuto venne trasferita in un laboratorio specializzato, per essere sottoposta a una manutenzione straordinaria considerata da tecnici e amministratori non più rinviabile, a causa della ruggine che stava corrodendo in più punti l'opera. Il progetto e l'esecuzione del restauro sono stati commissionati dal Comune per una spesa di 8.900 euro più Iva alla Fucina Ervas di Preganziol.

La manutenzione ha dovuto fare i conti con i segni del tempo: in più punti, infatti, erano evidenti i segni di colatura della ruggine e di un'iniziale corrosione sotto la pellicola pittorica. Sulla “schiena” dell'emigrante erano evidenti lacune con corrosioni avanzate, mentre altre parti presentavano i segni di un iniziale indebolimento del rivestimento, sintomo del naturale invecchiamento della pittura.
La pulitura ha messo in luce una serie di particolari non visibili in precedenza, come le "cuciture" sulla valigia dell'emigrante, i dettagli dei capelli e degli occhi e i segni della lavorazione. Molta attenzione è stata riservata anche all'interno, dove attraverso i fori sono stati spruzzati del convertitore di ruggine e della pittura per proteggere il più possibile da fenomeni di corrosione da condensa.
Ora, a restauro ultimato, il monumento all'Emigrante sarà ricollocato nella stessa posizione in cui sorgeva da quando venne inaugurato, quasi mezzo secolo fa.