Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Bottoglia incendiaria trovata in un cantiere della superstrada ad Altivole

MOLOTOV SULLA PEDEMONTANA, LA PROCURA APRE UN INCHIESTA

Fascicolo contro ignoti per il reato di minacce aggravate


TREVISO - La Procura della Repubblica di Treviso ha aperto un'inchiesta contro ignoti sull'ipotesi di reato di minacce aggravate in relazione al ritrovamento, alcuni giorni fa, in un cantiere della superstrada "Pedemontana", di una rudimentale bottiglia incendiaria. L'ordigno, legato con un filo di ferro ad una macchina operatrice, era stato individuato da alcuni operai che si accingevano ad utilizzare il mezzo, a San Vito di Altivole. La molotov è stata consegnata ai carabinieri del Ris, il Reparto investigazioni scientifiche per accertare l'eventuale presenza di tracce utili ad identificare i responsabili del gesto.