Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il manager: "I rapporti con la rete italiana sono fondamentali"

IL NUMERO DUE DI SUBARU ALLA CARRARO DI TREVISO

Visita a sorpresa del vicepresidente mondiale della casa giapponese


TREVISO - Il numero due di Subaru ha fatto tappa alla Carraro S.p.A, nella sede di Treviso in viale della Repubblica. Nobuhiko Murakami, vicepresidente mondiale della casa automobilistica giapponese, era accompagnato da altri alti dirigenti del gruppo, giunti da Milano e dal Giappone. Una visita inusuale che è stata apprezzata da Ruggero Carraro, amministratore delegato autovetture della Carraro S.p.A.: “Sono felice di aver potuto conoscere i vertici aziendali di Subaru, un marchio a cui la nostra azienda crede molto. La visita della direzione generale giapponese rappresenta un motivo di orgoglio, una tappa importante”.

Dello stesso parere il manager che ha ribadito come le relazioni con la rete italiana rappresentino un punto di riferimento per l'industria nipponica. “Con questa visita ai tre concessionari italiani di Trieste, Padova e Treviso – ha sottolineato -, abbiamo voluto verificare lo stile ed i processi da loro attuati e desideriamo che questi parametri siano un modello da diffondere all’intera rete di concessionari italiani nell’immediato futuro".
L'intenzione del vicepresidente, infatti, era quella di incontrare tre “key dealer”, ovvero quei concessionari "chiave" del marchio che si distinguono per performance, approccio alla vendita, immagine globale offerta al cliente.