Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il convegno a Castelfranco Veneto venerdì alle 8.30 all'Itis Barsanti

LA COOPERAZIONE SOCIALE 25 ANNI DOPO LA 381

Le realtà aderenti al consorzio In Concerto fanno il punto


CASTELFRANCO VENETO - Sono passati 25 anni dalla legge costitutiva del cosiddetto Terzo Settore, che disciplina le cooperative sociali; in questo anniversario le realtà della Castellana aderenti al Consorzio In Concerto si interrogano, per fare il punto della situazione, con un convegno dal titolo “La cooperazione sociale 25 anni dopo la 381: modelli, risultati e prospettive”. Cosa è cambiato dall'8 novembre 1991 quando è stata pubblicata la legge 381 sulla “Disciplina delle cooperative sociali” che definiva obiettivi e modalità delle nuove imprese sociali, caratterizzate da una natura pubblicista riguardo agli scopi e a una natura privatistica nella forma organizzativa. 
Se ne parlerà venerdì 30 settembre,in mattinata, a partire dalle ore 8.30 presso l’aula magna dell’Itis E. Barsanti di Castelfranco Veneto (in via dei Carpani 19b).

Dopo la parte introduttiva con i saluti istituzionali (del sindaco di Vedelago Cristina Andretta, del direttore generale delle Ulss trevigiane Francesco Benazzi, del presidente di Federsolidarietà Veneto Roberto Baldo, del presidente di Confcooperative Belluno e Treviso Valerio Cescon, della presidente della Conferenza dei Sindaci dell'Ulss 8 Annalisa Rampin), interverrà Bruno Pozzobon  (fondatore della cooperativa sociale L'Incontro e del Consorzio In Concerto) il quale parlerà dell'esperienza del Consorzio In Concerto. Una realtà nata 25 anni fa a Castelfranco Veneto con la cooperativa sociale L'Incontro e che attualmente offre lavoro a circa 1.500 persone, di cui 200 svantaggiate.

La parte centrale del convegno sarà dedicata ad un'analisi della cooperazione sociale e ad alcune ricerche di settore. Il docente universitario Carlo Borzaga tratterà “La cooperazione sociale oggi: dimensioni, caratteristiche, problemi e  prospettive”; la ricercatrice Sara Depredi di “La cooperazione sociale in Veneto: impatto economico e sociale”, la collega Silvia Sacchetti de “Il modello di In Concerto: una caso di governance innovativa”.

Infine, il convegno si concluderà con una tavola rotonda su “Le condizioni per continuare a crescere” coordinata dal presidente del Consorzio In Concerto, Germano Tonetto. Interverranno Riccardo Salomone (presidente di Agenzia del Lavoro), Paola Iamiceli (professore associato di Diritto privato dell'Università di Trento), Giorgio Santini (senatore), Carlo Urbinati (presidente di Foscarini spa, azienda di primario livello con la quale collaborano in partnership le cooperative di tipo b di inserimento lavorativo del Consorzio In Concerto).  Le conclusioni alle ore 13 saranno a cura di Giuseppe Guerini (presidente nazionale di Federsolidarietà).