Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In 15 anni si creerebbero nuove comunitą di residenti

CON L'UNESCO BOOM IMMOBILIARE NEL PROSECCOSHIRE

L'esperto Martinuzzo: "Pił turisti e case acquistate dagli stranieri"


CONEGLIANO/VALDOBBIADENE - Come cambierebbe l’economia delle colline del Conegliano –Valdobbiadene a seguito di un possibile riconoscimento a Patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco? Secondo Roberto Martinuzzo, di Terra Casa, agenzia immobiliare specializzata nel mercato dei vigneti, il cambiamento non sarà tanto nei valori dei terreni, quanto piuttosto in quello del mercato immobiliare sul territorio.
“Abbiamo stimato – spiega Martinuzzo - che per i vigneti della DOCG il valore dovrebbe aumentare di circa il 5%. Il vero cambiamento però potrebbe arrivare sul mercato immobiliare, soprattutto a seguito dell’interesse straniero. A crescere non saranno solo i turisti, come è già avvenuto in Piemonte (dove si parla di incrementi dei flussi turistici oltre il 300%), ma anche gli stranieri che vorranno fare 'shopping' e comprarsi una casa tra i vigneti per trascorrere le vacanze. Ecco allora che tante “casère” semi abbandonate, o che oggi fungono solo da deposito per gli attrezzi agricoli, potranno avere nuova attrattiva. Con buone conseguenze anche per il settore delle costruzioni. È probabile che nel giro di 15 anni avremo la nostra piccola “Proseccoshire” tra le colline”.