Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per la prima volta impegnati anche alcuni profughi

SACCHI E GUANTI, SILE RIPULITO DAI VOLONTARI

Oltre 200 persone raccolgono rifiuti dalle sponde


TREVISO - Quasi duecento volontari si sono messi all'opera, domenica, per la terza edizione di "Puliamo il Sile", giornata dedicata alla salvaguardia del fiume. Diverse le squadre che, dalle 9 e per tutta la mattina si sono impegnate per raccogliere rifiuti abbandonati lungo le sponde e nel letto del corso d'acqua una pr ognuno dei comuni coinvolti: Treviso, Silea, Casier, Casale, Roncade e - fuori provincia - Quarto d'Altino.
Tra i partecipanti, la Protezione civile, varie associazioni, gli scout dell'Agesci e della Fse e, novità di quest'anno, anche una trentina di richiedenti asilo, ospitati nell'ex caserma Serena, in un esperimento di lavoro di utilità sociale.
Lungo il tratto del "Sil Morto", a Sant'Antonino, nel capoluogo, ad esempio, si sono dati da fare in 16, tra i soci dell'associazione Salvagradia ambiente Treviso e Casier, gli scout del Treviso 4 dell'Agesci e, appunto, alcuni profughi provenieti da Gambia, Benin, Burkina Faso, Afghanistan. Da dietro la chiesa del quartiere, divisi in due gruppi, hanno battuto la riva del fiume e la stradina bianca che la costeggia, luogo molto frequentato da podisti e amanti del nordic walking. Armati di pettorine di riconoscimento, sacchi, guanti, pinze per afferrare i rifiuti e rampini per aggangiare eventuali oggetti galleggianti, hanno asportato cartacce, sacchetti di plastica, bottiglie e lattine, gettate da maleducati poco rispettosi dell'ambiente. L'anno scorso, l'intera manifestazione, ha permesso di accumulare quasi 4 tonnellate di residui. In attesa del dato 2016, il Sile e le sue sponde sono un po' più puliti.