Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per la prima volta impegnati anche alcuni profughi

SACCHI E GUANTI, SILE RIPULITO DAI VOLONTARI

Oltre 200 persone raccolgono rifiuti dalle sponde


TREVISO - Quasi duecento volontari si sono messi all'opera, domenica, per la terza edizione di "Puliamo il Sile", giornata dedicata alla salvaguardia del fiume. Diverse le squadre che, dalle 9 e per tutta la mattina si sono impegnate per raccogliere rifiuti abbandonati lungo le sponde e nel letto del corso d'acqua una pr ognuno dei comuni coinvolti: Treviso, Silea, Casier, Casale, Roncade e - fuori provincia - Quarto d'Altino.
Tra i partecipanti, la Protezione civile, varie associazioni, gli scout dell'Agesci e della Fse e, novità di quest'anno, anche una trentina di richiedenti asilo, ospitati nell'ex caserma Serena, in un esperimento di lavoro di utilità sociale.
Lungo il tratto del "Sil Morto", a Sant'Antonino, nel capoluogo, ad esempio, si sono dati da fare in 16, tra i soci dell'associazione Salvagradia ambiente Treviso e Casier, gli scout del Treviso 4 dell'Agesci e, appunto, alcuni profughi provenieti da Gambia, Benin, Burkina Faso, Afghanistan. Da dietro la chiesa del quartiere, divisi in due gruppi, hanno battuto la riva del fiume e la stradina bianca che la costeggia, luogo molto frequentato da podisti e amanti del nordic walking. Armati di pettorine di riconoscimento, sacchi, guanti, pinze per afferrare i rifiuti e rampini per aggangiare eventuali oggetti galleggianti, hanno asportato cartacce, sacchetti di plastica, bottiglie e lattine, gettate da maleducati poco rispettosi dell'ambiente. L'anno scorso, l'intera manifestazione, ha permesso di accumulare quasi 4 tonnellate di residui. In attesa del dato 2016, il Sile e le sue sponde sono un po' più puliti.