Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Anche Sebastiano Favero alla riunione del comitato organizzatore

ADUNATA, APPELLO AI SOSTENITORI PUBBLICI E PRIVATI

Il presidente nazionale chiama a raccolta le realtÓ locali


VALDOBBIADENE - Ha voluto fortemente esserci perché “nel COA si esprime l’anima operativa dell’ANA”. Così Sebastiano Favero presidente dell’Associazione Nazionale Alpini ha deciso di partecipare all’ultima riunione del COA, il Comitato Organizzatore della 90sima Adunata alpina, l’Adunata del Piave, in calendario a Treviso dal 12 al 14 maggio 2017. L’incontro si è svolto venerdì 7 ottobre a Valdobbiadene, all’interno delle cantine Umberto Bortolotti, ed è stato inaugurato dai saluti del sindaco Luciano Fregonese.
Prosegue dunque il cammino della complessa macchina organizzativa che ha l’obiettivo di programmare fin nei minimi particolari l’Adunata dell’anno prossimo. Venerdì è stato fatto il punto su questioni fondamentali come il programma delle cerimonie e l’articolato settore dell’accoglienza tra campi attrezzati e alloggiamenti collettivi, senza trascurare la delicata questione finanziaria e della ricerca di sponsor privati che si affiancano ai fondi messi a disposizione dagli enti pubblici.
“I costi negli anni sono aumentati anche per esigenze di sicurezza e per la tipologia e qualità dei servizi offerti” dichiara Sebastiano Favero, convinto che molti altri soggetti (ad esempio i singoli Comuni) ma anche realtà commerciali e produttive locali possano decidere di sostenere l’Adunata visti i notevoli ritorni che ne deriveranno. Già alcuni Comuni si stanno muovendo, oltre a quello di Treviso che ha deciso di sostenere in modo concreto l’Adunata, ma – secondo il presidente Nazionale dell’ANA - “c’è ancora un grosso margine per coinvolgere le realtà locali”.
Il COA, presieduto da Luigi Cailotto, non dimentica il territorio e, nonostante la tradizionale sfilata si svolga a Treviso, questa è “L’Adunata del Piave” e numerosi sono gli eventi ideati dalle quattro Sezioni ANA coinvolte: Treviso, Conegliano, Valdobbiadene, Vittorio Veneto sintetizzati nel calendario elaborato dal Centro Studi del Piave. Per ribadire questo spirito il COA ha deciso di programmare un alzabandiera congiunto che venerdì 12 maggio si svolgerà in contemporanea a Treviso in piazza della Vittoria, a Cima Grappa, Nervesa della Battaglia, all’Isola dei Morti e al Sacrario di Fagarè, luoghi simbolo della Grande Guerra.
Infatti, conclude Favero: “Non possiamo dimenticare che questa Adunata si svolge nell’ambito del Centenario e nei territori dove si svolsero eventi fondamentali per l’esito della Prima Guerra Mondiale”.