Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I proventi veranno utilizzati per la segnaletica per gli utenti

LA MOSTRA DEGLI IMPRESSIONISTI SI PROMUOVE IN OSPEDALE

Accordo con l'Ulss per manifesti negli ospedali


TREVISO - Collaborazione nella comunicazione tra le Ulss della Marca e Linea d’Ombra, la società fondata da Marco Goldin, specializzata nell'organizzazione di mostre. L’imminente rassegna  “Storie dell’Impressionismo” sarà promossa con appositi spazi nelle strutture sanitarie. Per i promotori dell'evento culturale, la possibilità di raggiungere un pubblico vastissimo: solo all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso in un anno accedono circa 6 milioni di persone. L'Ulss 9, dal canto suo, potrà utilizzare i proventi dell'operazione per migliorare la segnaletica e completare i percorsi per favorire la mobilità dell’utenza all’interno del suo più grande ospedale,
La collaborazione è stata presentata da Francesco Benazzi, direttore generale delle tre aziende sanitarie trevigiane, e Marco Goldin, titolare di Linea d’Ombra e curatore della mostra che prenderà le mosse, il prossimo 28 ottobre, al museo trevigiano di Santa Caterina. Grazie ad uno specifico accordo, Linea d’Ombra ha acquistato - tramite la concessionaria Meneghini & Associati – una serie di spazi sulle pareti delle aree di attesa e dei punti di passaggio più frequentati del Ca’ Foncello. Accordi simili sono stati siglati anche con le Aziende Ulss 7 e 8.
“Per vari motivi ogni anno al Ca’ Foncello, accedono oltre 2.880.000 persone solo considerando i pazienti – sottolinea il direttore Benazzi –. A questi vanno aggiunte le presenze quotidiane di accompagnatori, visitatori, familiari, dipendenti, operatori e fornitori. La stima, non esagerata è di almeno 6 milioni d’ingressi ogni anno. Ai fini della divulgazione di un messaggio, si tratta di un bacino difficilmente raggiungibile attraverso altri canali. Ma dall’accordo con Marco Goldin, saranno anche questi milioni di persone stesse a trarne un beneficio. Tutti i fondi provenienti dalla pubblicità in ospedale sono regolarmente destinati a sostenere progetti a favore dell’utenza, in questo caso andranno a sostenere il progetto di segnaletica e degli itinerari che in questi giorni stiamo portando a termine”.
“Similmente – prosegue Benazzi – lo stesso accordo è stato siglato anche per le Ulss di Pieve di Soligo e di Asolo. Basta pensare, infatti, che registrano rispettivamente 3.000.000 e 3.370.000 prestazioni ambulatoriali ogni anno. Numeri importanti e diffusi in tutta la provincia. Ringrazio Marco Goldin per questa collaborazione che non solo si traduce in un sostegno delle nostre attività ma è anche un coinvolgimento nel grande evento culturale che, sotto la sua guida, vedrà protagonista Treviso e la Marca”.