Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I proventi veranno utilizzati per la segnaletica per gli utenti

LA MOSTRA DEGLI IMPRESSIONISTI SI PROMUOVE IN OSPEDALE

Accordo con l'Ulss per manifesti negli ospedali


TREVISO - Collaborazione nella comunicazione tra le Ulss della Marca e Linea d’Ombra, la società fondata da Marco Goldin, specializzata nell'organizzazione di mostre. L’imminente rassegna  “Storie dell’Impressionismo” sarà promossa con appositi spazi nelle strutture sanitarie. Per i promotori dell'evento culturale, la possibilità di raggiungere un pubblico vastissimo: solo all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso in un anno accedono circa 6 milioni di persone. L'Ulss 9, dal canto suo, potrà utilizzare i proventi dell'operazione per migliorare la segnaletica e completare i percorsi per favorire la mobilità dell’utenza all’interno del suo più grande ospedale,
La collaborazione è stata presentata da Francesco Benazzi, direttore generale delle tre aziende sanitarie trevigiane, e Marco Goldin, titolare di Linea d’Ombra e curatore della mostra che prenderà le mosse, il prossimo 28 ottobre, al museo trevigiano di Santa Caterina. Grazie ad uno specifico accordo, Linea d’Ombra ha acquistato - tramite la concessionaria Meneghini & Associati – una serie di spazi sulle pareti delle aree di attesa e dei punti di passaggio più frequentati del Ca’ Foncello. Accordi simili sono stati siglati anche con le Aziende Ulss 7 e 8.
“Per vari motivi ogni anno al Ca’ Foncello, accedono oltre 2.880.000 persone solo considerando i pazienti – sottolinea il direttore Benazzi –. A questi vanno aggiunte le presenze quotidiane di accompagnatori, visitatori, familiari, dipendenti, operatori e fornitori. La stima, non esagerata è di almeno 6 milioni d’ingressi ogni anno. Ai fini della divulgazione di un messaggio, si tratta di un bacino difficilmente raggiungibile attraverso altri canali. Ma dall’accordo con Marco Goldin, saranno anche questi milioni di persone stesse a trarne un beneficio. Tutti i fondi provenienti dalla pubblicità in ospedale sono regolarmente destinati a sostenere progetti a favore dell’utenza, in questo caso andranno a sostenere il progetto di segnaletica e degli itinerari che in questi giorni stiamo portando a termine”.
“Similmente – prosegue Benazzi – lo stesso accordo è stato siglato anche per le Ulss di Pieve di Soligo e di Asolo. Basta pensare, infatti, che registrano rispettivamente 3.000.000 e 3.370.000 prestazioni ambulatoriali ogni anno. Numeri importanti e diffusi in tutta la provincia. Ringrazio Marco Goldin per questa collaborazione che non solo si traduce in un sostegno delle nostre attività ma è anche un coinvolgimento nel grande evento culturale che, sotto la sua guida, vedrà protagonista Treviso e la Marca”.