Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

E sabato Alex Cendron si trasforma in una strampalata bambinaia

SHAKESPEARE ERA VENETO, PAROLA DI ANDREA PENNACCHI

L'attore, con Giorgio Gobbo, venerdì al Teatro del Pane


TREVISO - Spazio all’ironia sul palco del Teatro del Pane di Villorba che, venerdì 21 ottobre, ospiterà lo spettacolo "Quel veneto di Shakespeare" di e con Andrea Pennacchi e Giorgio Gobbo, mentre sabato 22 ottobre andrà in scena "Guida estrema di puericultura", interpretato da Alex Cendron e scritto a quattro mani da due mamme drammaturghe – Angela Demattè e Francesca Sangalli – alle prese con i loro neonati.
Cinque drammi shakesperiani – di cui ben quattro capolavori indiscussi – sono ambientati nel Veneto. Forse questo significa che il nostro drammaturgo era veneto? E’ da questo improbabile quanto divertente interrogativo che si sviluppa lo spettacolo "Quel veneto di Shakesperare" – di e con Andrea Pennacchi e Giorgio Gobbo – un viaggio di esplorazione comico, dal ritmo incalzante e zeppo di musica, che attraversa il mondo shakesperiano e che, partendo dagli strafalcioni geografici presenti nelle sue opere che ridisegnano un Veneto dell’immaginazione e passando per alcuni interessanti aneddoti della vita del Bardo di Stratford Upon Avon, approfondisce giocosamente la conoscenza dell’opera di un autore ancora estremamente comprensibile e godibile.
"Guida estrema di puericultura" è, invece, un monologo tanto divertente quanto dissacrante sui temi della gravidanza e dell’allevamento dei neonati che si compone di aforismi crudeli sulle gioie del puerperio e arriva a trasformarsi in un folle monologo incarnato dalla figura di una morbosa puericultrice – impersonata dal mirabile Alex Cendron – che diverte il pubblico dispensando i suoi consigli pratici, efficaci e intelligenti per affrontare tutti i momenti della nuova vita da genitori.