Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domani a mezzogiorno flashmob in piazza dei Signori

LOTTA ALLA TRATTA, ANCHE TREVISO NELLA RETE DEI COMUNI VENETI

Oltre 300 progetti per aiutare le vittime di sfruttamento


TREVISO - I capoluoghi veneti uniti per rafforzare un sistema unico e integrato di emersione e assistenza alle vittime di tratta o grave sfruttamento, attivo 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno. E’ questo l’obiettivo del Progetto anti-tratta “N.A.Ve – Network Antitratta per il Veneto”, promosso dal Comune di Venezia e da una rete di partner pubblici compreso il Comune di Treviso e del privato sociale. Avviato il primo settembre grazie allo stanziamento di un milione e 300mila euro da parte del Dipartimento Pari Opportunità, a cui si aggiungono le risorse stanziate dalla Regione del Veneto - 140mila euro grazie al fondo regionale L.R.41/97 - il progetto prevede la realizzazione, da settembre 2016 a dicembre 2017, di 300 programmi di emersione, assistenza e integrazione sociale di adulti e minori vittime di tratta o di grave sfruttamento all’interno del territorio del Veneto. Per queste persone e per questi minori presenti, in numero sempre maggiore, nel territorio di Treviso e della nostra regione lo sfruttamento può essere sessuale, lavorativo, o avvenire nell’ambito dell’accattonaggio o nella morsa delle economie illegali.
Le novità introdotte nell’ultimo anno e i contenuti del progetto contribuiranno notevolmente all’opera quotidiana di emersione dallo sfruttamento, con grande beneficio anche alle attività di indagine e di smantellamento delle reti criminali.
Tra le novità più importanti la figura di un operatore dedicato alla tratta per ognuno dei Comuni capoluoghi di Provincia e la fattiva collaborazione con la Regione Veneto nonché un Network sempre più ampio e compatto che comprende l’autorità giudiziaria, gli organi decentrati dei ministeri della Giustizia, degli Interni, del Lavoro, le Forze dell’Ordine, le aziende sanitarie, le Università di Padova e Verona, le cooperative sociali, il terzo settore, le organizzazioni sindacali.
Presso la Regione del Veneto sarà istituita la “cabina di regia” del progetto N.A.Ve costituita dall’Unità di coordinamento: il Comune di Venezia, capofila del Progetto, un rappresentante per ogni Ente Locale compreso il Comune di Treviso e un rappresentante per ogni ente attuatore.
Infine, martedì 18 ottobre per La Giornata Europea Contro la Tratta a Treviso, come nelle altre città italiane, verrà organizzata un’iniziativa di sensibilizzazione ( sul tema in Piazza dei Signori.