Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Curto (Confagricoltura): "Totale incertezza sulle vaccinazioni"

BLUE TONGUE, EMERGENZA ESTESA A TUTTO IL VENETO

Treviso la provincia con il numero pił alto di casi


TREVISO - Sale la preoccupazione degli allevatori per l’emergenza Blue Tongue, l’epidemia che colpisce ovini, caprini e bovini. Dopo le province di Belluno, Treviso e Vicenza il virus ha colpito anche nel Padovano, dove è stato riscontrato il primo focolaio in una stalla di pecore. Il dilagare della malattia ha indotto il ministero della Salute ad emanare un provvedimento urgente che sottopone a misure restrittive non solo le zone colpite finora ma tutto il Veneto, vale a dire Padova, Verona, Rovigo e Venezia.
Le vaccinazioni obbligatorie, dunque, dovranno interessare tutte le province. Il ministero invita infatti ad adottare un programma vaccinale da attuare in modo uniforme in tutte le zone soggette a restrizione, per proteggere dalla forma clinica il patrimonio sensibile insistente nelle aree interessate attualmente dalla circolazione del virus della Blue Tongue. Le vaccinazioni devono riguardare non solo gli ovini e i caprini, per i quali il virus è letale, ma anche i vitelli soggetti a movimentazione da un’area all’altra. Il dilagare del virus ha indotto, inoltre, l’Unità organizzativa regionale veterinaria a emanare una nota con la quale viene esteso il controllo dei campioni di latte a tutti gli allevamenti del Veneto. Tutte le aziende di vacche da latte dovranno essere controllate mediante un prelievo di tre campioni di latte a distanza di 15 giorni l’uno dall’altro.
“L’emergenza Blue Tongue sta diventando sempre più pesante – dice Fabio Curto, presidente del settore lattiero caseario di Confagricoltura Veneto -, con gravi danni diretti e indiretti per gli allevatori. Ora che tutto il Veneto è diventato zona di restrizione è necessario più che mai definire una strategia unitaria e precisa nel gestire la situazione. Ad oggi, invece, regna la più totale incertezza. Con la Regione era stato stabilito un percorso condiviso di vaccinazioni, ma a quasi due mesi dalla scoperta del primo focolaio nel Bellunese non ci sono disposizioni certe sulle vaccinazioni, non c’è coordinamento tra diverse Ulss e gli allevatori stanno sborsando i soldi di tasca propria per vaccinare gli animali. All’annuncio della Regione di coprire i costi dei vaccini dei bovini, oltre che per gli ovini, non è seguita la delibera per lo stanziamento dei fondi. Perciò abbiamo chiesto, insieme alle altre associazioni di categoria, un nuovo incontro in Regione agli assessori Luca Coletto e Giuseppe Pan per verificare come si sta procedendo e quali sono le strategie per puntare all’eradicazione del virus dal territorio”.
L’epidemia è partita il 30 agosto, quando è stato segnalato un sospetto caso clinico in un gregge di ovini vagante ad Alano di Piave, nella provincia di Belluno. Il caso, con sierotipo isolato BTV4, è stato confermato dal Centro di referenza nazionale per la malattia. In seguito i focolai del virus sono stati riscontrati nelle province di Treviso e di Vicenza. I focolai in Veneto sono attualmente 159 (aggiornamento al 13 ottobre), di cui 49 in provincia di Belluno, 85 a Treviso, 24 a Vicenza e 1 a Padova. Complessivamente sono coinvolti 47 Comuni. I focolai sono stati riscontrati in ovini (68), bovini (87), caprini (3) e selvatici (1 muflone).