Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Azione di tipo paramilitare ieri sera tra Treviso nord e sud

ASSALTO IN A27 AD UN PORTAVALORI: UN FERITO

Migliaia di chiodi sull'asfalto, traffico paralizzato


TREVISO - Assalto ad un furgone portavalori, martedì sera, sulla A27 in direzione Belluno tra i caselli di Treviso Sud e Treviso Nord. Un'azione criminale in stile paramilitare, pianificata nei dettagli e condotta da un vero e proprio commando, composto da almeno cinque persone, su altrettante auto e con armi pesanti. Intorno alle 18.40, i banditi hanno prima bloccato le due carreggiate autostradali, poi, all'altezza della zona industriale di Olmi, hanno costretto a fermarsi i due mezzi blindati della ditta Civis: neutralizzato il secondo furgone nella fila, sparando alla gomme e al radiatore, hanno raggiunto il primo veicolo, dove era trasportato il denaro: circa tre milioni di euro, secondo indiscrezioni. "Abbassate la testa" è stato l'avvertimento intimato alle due guardie giurate, prima di esplodere numerosi colpi di mitra. In precedenza i malviventi, fingendosi agenti delle forze dell'ordine, avevano fermato un tir in transito e l'avevano posto di traverso alle corsie, dove erano state sparse anche migliaia di chiodi a tre punte, per bucare gli pneumatici delle auto e complicare così l'arrivo . Il bilancio è il ferimento leggero di uno dei due autisti del blindato, colpito da una scheggia di proiettile, un altro è ricoverato in stato di choc. Portati al Pronto soccorso anche due automobilisti, tra cui una donna incinta, coinvolti in tamponamento tra auto, nell'ingorgo creato dal blitz.
Il colpo, tuttavia, è andata a vuoto: i vigilantes sono riusciti a lanciare l'allarme e dalla centrale operativa sono state attivate le procedure di emergenza: il vano del fugone portavalori si è riempito di una particolare schiuma, creando un blocco unico. Nonostante abbiano cercato di forzare anche il tetto, i rapinatori non sono riusciti a raggiungere il denaro. A quel punto, sono fuggiti a bordo di una Porche e di una Range Rover: usciti dall'autostrada, sfondando le recinzioni, a Treviso Sud, hanno abbandonato le auto in località Olmi salendo su altre vetture. Lungo le corsie dell'A27 gli agenti hanno trovato e recuperato, inoltre, altre tre auto abbandonate, senza targhe e piene di chiodi all'interno, due parcheggiate in direzione Belluno, e una verso Venezia. Complessivamente sono cinque le vetture utilizzate dal commando per mettere a segno il colpo.  La caccia agli uomini, che secondo una testimone parlavano sia in italiano che con una lingua dell'Est Europa, è ora estesa in tutto il Veneto con particolare attenzione alle province di Belluno e Pordenone. In serata poliziotti e carabinieri hanno circondato un furgone bianco, nei pressi del casello dell'A4 a Meolo: le due persone a bordo sono state fermate e  interrogate.