Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Azione di tipo paramilitare ieri sera tra Treviso nord e sud

ASSALTO IN A27 AD UN PORTAVALORI: UN FERITO

Migliaia di chiodi sull'asfalto, traffico paralizzato


TREVISO - Assalto ad un furgone portavalori, martedì sera, sulla A27 in direzione Belluno tra i caselli di Treviso Sud e Treviso Nord. Un'azione criminale in stile paramilitare, pianificata nei dettagli e condotta da un vero e proprio commando, composto da almeno cinque persone, su altrettante auto e con armi pesanti. Intorno alle 18.40, i banditi hanno prima bloccato le due carreggiate autostradali, poi, all'altezza della zona industriale di Olmi, hanno costretto a fermarsi i due mezzi blindati della ditta Civis: neutralizzato il secondo furgone nella fila, sparando alla gomme e al radiatore, hanno raggiunto il primo veicolo, dove era trasportato il denaro: circa tre milioni di euro, secondo indiscrezioni. "Abbassate la testa" è stato l'avvertimento intimato alle due guardie giurate, prima di esplodere numerosi colpi di mitra. In precedenza i malviventi, fingendosi agenti delle forze dell'ordine, avevano fermato un tir in transito e l'avevano posto di traverso alle corsie, dove erano state sparse anche migliaia di chiodi a tre punte, per bucare gli pneumatici delle auto e complicare così l'arrivo . Il bilancio è il ferimento leggero di uno dei due autisti del blindato, colpito da una scheggia di proiettile, un altro è ricoverato in stato di choc. Portati al Pronto soccorso anche due automobilisti, tra cui una donna incinta, coinvolti in tamponamento tra auto, nell'ingorgo creato dal blitz.
Il colpo, tuttavia, è andata a vuoto: i vigilantes sono riusciti a lanciare l'allarme e dalla centrale operativa sono state attivate le procedure di emergenza: il vano del fugone portavalori si è riempito di una particolare schiuma, creando un blocco unico. Nonostante abbiano cercato di forzare anche il tetto, i rapinatori non sono riusciti a raggiungere il denaro. A quel punto, sono fuggiti a bordo di una Porche e di una Range Rover: usciti dall'autostrada, sfondando le recinzioni, a Treviso Sud, hanno abbandonato le auto in località Olmi salendo su altre vetture. Lungo le corsie dell'A27 gli agenti hanno trovato e recuperato, inoltre, altre tre auto abbandonate, senza targhe e piene di chiodi all'interno, due parcheggiate in direzione Belluno, e una verso Venezia. Complessivamente sono cinque le vetture utilizzate dal commando per mettere a segno il colpo.  La caccia agli uomini, che secondo una testimone parlavano sia in italiano che con una lingua dell'Est Europa, è ora estesa in tutto il Veneto con particolare attenzione alle province di Belluno e Pordenone. In serata poliziotti e carabinieri hanno circondato un furgone bianco, nei pressi del casello dell'A4 a Meolo: le due persone a bordo sono state fermate e  interrogate.