Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il giallo del tetto blindato: ha resistito pochi minuti

ASSALTO IN A27, IL BOTTINO È DI 100MILA EURO

Rubata solo una piccola parte dei 4 milioni trasportati


TREVISO - E' caccia alla banda che martedì sera ha dato l'assalto a furgoni portavalori Civis pochi chilometri dopo il casello di Treviso Sud dell'A27, scatenando il far west lungo l'autostrada.
Gli investigatori della Squadra Mobile di Treviso, guidati da Claudio Di Paola e coordinati dal pubblico ministero Francesca Torri, possono partire da un nuovo dato certo: è stato quantificato il bottino. Il banditi sono riusciti a portare via circa centomila euro sui quattro milioni trasportati. Solo in serata si sono concluse le operazioni per separare i soldi dalla schiuma spruzzata dal dispositivo d'emergenza anti-rapina "Schiuma block": una resina, appunto, che riempie il vano blindato del furgone e, solidificandosi costituisce un blocco unico con i sacchi dove è contenuto il contante. Probabilmente i malviventi sono riusciti ad afferrare qualche borsone nei pochi secondi prima che la sostanza diventasse compatta, come aveva lasciava presupporre il ritrovamento, nei pressi del luogo della rapina, di una ricevuta di 72mila euro, come quelle che si trovano insieme alle banconote. Ma solo dopo che i tecnici della ditta avranno tagliato la massa spumosa, si potrà verificare se quanto caricato corrisponde o meno a quanto rimasto. I portavalori stavano andando a consegnare il denaro, raccolto da vari clienti, nel caveau di un'altra società specializzata, la Battistolli, con sede a . Di certo, i vigilantes stavano trasportando una cifra tra i 3 e i 4 milioni di euro: lo conferma la presenza anche di un secondo veicolo di scorta, come prevede la legge per importi di questa entità.
Un altro punto dovrà essere chiarito: i furgoni di questo tipo sono blindati. Ciò nonostante i malviventi sono riusciti a tagliare e svellere il tetto del mezzo in pochissimo tempo (l'intero assalto è durato non più di 12 – 15 minuti). Perchè, dunque, la copertura ha resistito così poco? La normativa, peraltro, impone, alla lettera, la blindatura delle pareti.
Il comando, poi, aveva pianificato l'azione nei dettagli: i poliziotti hanno trovato alcune aperture nella recinzione dell'autostrada, create in precedenze. Da lì i malviventi sono scappati a piedi, per raggiungere il furgone che li ha portati ad altre auto “sicure”, con cui si sono dileguati. Erano dunque, evidentemente, a conoscenza del percorso. L'hanno ricostruito con attente osservazioni (ma i tragitti vengono variati spesso) oppure qualcuno, nella lunga filiera dal carico alla consegna definita, li ha informati?
Sullo sfondo naturalmente la questione principale: chi sono e dove si sono nascosti i componenti della banda. A questo proposito il Servizio operativo centrale della Polizia sta verificando possibili analogie con colpi simili avvenuti di recente, a partire da quello compiuto a Milano sabato scorso.

Galleria fotograficaGalleria fotografica