Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I fratelli Lucchetta: "Linfa per il terriorio e per l'azienda"

EUROMOBIL A FIANCO DI GOLDIN ANCHE A TREVISO

Il gruppo di Falzè da 20 anni sponsor delle mostre


TREVISO - Da sempre vicino al mondo dell'arte, oltre che dello sport, il Gruppo Euromobil, è stato tra i primissimi "mecenati" a credere nell'attività di Marco Goldin e fin dalla fondazione, vent'anni fa, è tra i sostenitori delle mostre curate da Linea d'ombra. La partnership con l'azienda di Falzè di Piave, specializzata in cucine e arredi, si rinnova anche in occasione della rassegna "Storie dell'Impressionismo", al via venerdì prossimo a Treviso. Ed è destinata a durare anche nel futuro, come confermo i fratelli Lucchetta, titolari del gruppo, con una nota diffusa proprio alla vigilia dell'inaugurazione

"Crediamo che pochi sodalizi culturali possano vantare una durata così lunga e un rapporto così forte come quello tra Gruppo Euromobil e Linea d’ombra. Un rapporto che è sicuramente tra due strutture aziendali, ciascuna di punta nel suo settore. Ma che è, e resta, prima di tutto un rapporto umano, personale, di assonanza tra noi e Marco Goldin.
La nostra frequentazione precede di molto la nascita stessa di Linea d’ombra, affondando le sue radici negli anni in cui Marco era un giovanissimo critico, appassionato indagatore dell’arte trevigiana e veneta del Novecento e di taluni, precisi filoni dell’arte contemporanea italiana. I medesimi filoni dell’arte che appassionano anche noi.
Gruppo Euromobil ha investito, con convinzione, sulle mostre che Marco è andato via via offrendo al pubblico italiano e non solo, a partire da Conegliano, poi a Treviso, Torino, Genova, Brescia, Rimini, Vicenza e nuovamente nella nostra città, Treviso. Se ne è fatto promotore, le ha fatte proprie nella comunicazione. Vi ha avuto un ruolo attivo, ben oltre quello di un tradizionale sponsor.
Abbiamo colto opportunità anche al di là dei confini, ad esempio nelle collaborazioni con il Louvre e con il Musée d'Orsay, dove i nostri marchi - Euromobil cucine, Zalf mobili e Désirée divani - sono stati affiancati alle mostre su Leonardo e su Le daguerréotype français. Un objet photographique.
In questi due decenni siamo stati testimoni, ma anche protagonisti, di una evoluzione straordinariamente positiva delle proposte di Linea d’ombra. Abbiamo fatto nostro l’entusiasmo con cui il pubblico ha accolto queste proposte. Le abbiamo rese motivo di orgoglio e di stimolo per le nostre aziende e per i nostri collaboratori.
Perché per noi l’abbinamento Arte & Design non è solo uno slogan ma una filosofia aziendale del nostro operare quotidiano.
Per questi motivi e per questa storia condivisa, Gruppo Euromobil non poteva non essere al fianco di Marco nel suo ritorno trevigiano.
Siamo convinti che Treviso e la Marca, dove ha sede e trovano linfa cultuale le nostre aziende - possano essere utilmente stimolate da questo grande evento culturale.
E dove si stimola un futuro migliore, Gruppo Euromobil c’è".

Antonio, Fiorenzo, Gaspare e Giancarlo Lucchetta