Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì e sabato convegno per sensibilizzare sul tema

QUANDO IL GIOCO NON È PIÙ UN GIOCO: LUDOPATIE IN AUMENTO

Sono 127 i trevigiani con dipendenza da azzardo


TREVISO - Sono 127 i trevigiani presi in carico per ludopatia dal Servizio per le Dipendenze dell’Azienda Ulss 9. Di tutti questi, ben 91 sono dipendenti dal gioco con slot e altre “macchinette” elettroniche, 15 con “gratta e vinci”. L’Azienda sanitaria trevigiana, insieme con l’Ordine degli Psicologi del Veneto e il Centro della Famiglia di Treviso ha promosso per il 28 e il 29 ottobre prossimi un ciclo di eventi dal titolo: “Quando il gioco non più gioco”.
Dei 1702 cittadini presi in carico dal Serd di Treviso – diretto dal dottor Germano Zanusso –, 127 sono quelli con problemi legati al gioco d’azzardo. E’ cambiato il ritratto: nessuno di questi si è rovinato a carte e solo 1 al Casinò. I dati del 2015 ci dicono che 53 sono nuovi utenti (41 maschi e 12 donne). Ventidue sono tra i 45 e i 50 anni, 16 tra i 40 e i 44 , 17 tra i 50 e i 54, altri 17 oltre i 65 anni. Settantuno hanno un lavoro stabile (autonomo o dipendente), 30 sono pensionati/casalinghe, 8 disoccupati; 26 hanno il titolo di scuola media superiore e 48 inferiore; 6 sono laureati e di questi sono in 4 ad avere una laurea magistrale o un master postlaurea. Un dato tra tutti è fortemente indicativo a fronte di 5 vedovi, 9 separati o divorziati, 8 che non hanno specificato il legame vi sono 40 liberi e 65 che, sposati o conviventi, vivono in contesto familiare.
“Quest’ultimo dato – sottolinea Francesco Benazzi, Direttore generale dell’Azienda Ulss 9 – è un dato molto forte. Non si tratta solo di 65 persone ma di 65 famiglie. Il gioco compulsivo, infatti, è una dipendenza esplosiva e distruttiva non solo per il soggetto ma anche per chi gli è vicino, per le relazioni affettive, la solidità della famiglia sia dal punto di vista finanziario che da quello umano. Questo ci dice che non dobbiamo più guardare al singolo ma al suo contesto. Il nostro sforzo come azienda è mirato alla famiglia. Che a sua volta deve avere un ruolo primario nel recupero di coloro che si imbattono in questa piaga sociale. Sono grato al Centro della Famiglia e all’Ordine degli Psicologi di condividere con noi, non solo questa inziativa ma l’impegno quotidiano”.
“Risulta dalla Relazione 2015 del Parlamento – aggiunge Adriano Bordignon, ccordinatore del Centro della Famiglia - che il numero dei giocatori d’azzardo problematici varia dall’1,3% al 3,8% della popolazione, ossia tra 780 mila e 2,3 milioni di italiani adulti. I giocatori d’azzardo patologici, ossia i malati con dipendenza incontrollabile, sono dallo 0,5% al 2,2%, ossia da 300 mila a 1,3 milioni. Includendo i familiari dei giocatori d’azzardo patologico si raggiunge il 10% della popolazione, circa 6 milioni di italiani. Ecco perché ogni soggetto pubblico o privato del volontario deve accettare di avere un ruolo di aiuto e di contrasto”.
“In questi anni c'è stata una grande risposta a livello di opinione pubblica per il contrasto alle ludopatie – spiega Alessandro De Carlo, presidente dell’Ordine degli Psicologi -. Molti sindaci hanno emesso ordinanze restrittive, molti soggetti della società civile hanno organizzato momenti di denuncia e sensibilizzazione. Come Ordine degli Psicologi abbiamo appoggiato questa iniziativa perché riteniamo che sia importante affrontare il tema anche con competenze professionali, sia a livello di prevenzione che a livello di intervento. Mi preme sottolineare un messaggio: le azioni restrittive sono importanti ma insufficienti. Per combattere una dipendenza è fondamentale agire prendensosi cura di chi ne soffre in maniera completa, agendo sulle cause e non solo sulla manifestazione della patologia”.
Il programma della due-giorni propone eventi mirati a pubblici diversi. Nella mattinata e nella serata di venerdì 28 viene offerto lo spettacolo di Teatro Civile “Gran Casinò”, storie di chi gioca sulla pelle degli altri, con la regia di Gilberto Colla: alle 11 nell’Auditorium del Collegio Pio X per gli studenti delle scuole che hanno aderito all’iniziativa e, sempre stesso luogo, in serata alle ore 21 per il pubblico. Nel salone di Palazzo dei Trecento alle ore 17 “Quando il gioco non è più gioco” che sarà aperto da una relazione di Leopoldo Grosso, psicoterapeuta e vice presidente del Gruppo Abele, cui seguirà una tavola rotonda con gli interventi di Pierpaolo Baretta, sottosegretario Ministero Economia e Finanze con delega ai giochi, Manuela Lanzarin assessore ai Servizi sociali della Regione Veneto, Francesco Benazzi direttore generale dell’Azienda Ulss 9 Treviso, Gigi De Palo presidente del Forum nazionale delle famiglie, Alberto Franceschini di Volontarinsieme di Treviso e Gabriele Mandolesi coordinatore nazionale Slot Mob. Moderatore dei lavori è Adriano Bordignon responsabile della Fondazione Centro della Famiglia.