Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

140 opere per raccontare Le Storie dell'Impressionismo

VIAGGIO NELLA PITTURA CHE HA CREATO LA MODERNITÀ

Da venerdì a S. Caterina la rassegna di Marco Goldin


TREVISO - Un viaggio nella pittura francese lungo un secolo chiave come l'800. Non una, ma molteplici storie. Non a caso Marco Goldin ha usato il plurale per la principale mostra ("Storie dell'Impressionismo", appunto) del progetto espositivo che segna il ritorno nella sua Treviso per celebrare i vent'anni della sua società, Linea d'ombra. E a ben guardare, al complesso di Santa Caterina, non c'è solo Impressionismo: “ma tutto quanto fa pittura, nella Francia dell'Ottocento”. Dove idee, stili, sperimentazioni, tendenze culturali ed artistiche si sovrapponevano e si intersecavano. “In quel momento straordinario, Parigi era come la Firenze del 400 o la Venezia del '500”. Per questo la mostra non segue un filo cronologico, ma procede per sezioni tematiche. Sei: il ritratto, la figura in plein air, la natura morta, il paesaggio (52 opera, una mostra nella mostra), l'Impressionismo in pericolo, ovvero la crisi del plein air, e infine, gli anni estremi di Cezanne. Dalle prime opere di Ingres, ancora osannate dai pittori del Salon, alle soglie della Grande guerra con le ninfee e il grande salice dello stagno di Giverny che Monet smaterializza in una pura pioggia di colore, virando ormai verso l'antinaturalismo, o le anticipazioni di Cubismo di Cezanne. "Perchè l'Impressionismo non è il passato: qui nascono i germi della modernità". In mezzo il realismo di Courbet, la fantasmagorica stagione del ritratto di Manet, Degas, Renoir, alcuni Pizzarro e Sisley meno noti, ma di commovente poesia. Alle volte anche con accostamenti all'apparenza choc come i cipressi di Van Gogh e quelli “accademici” di Ingres. E poi ancora le stampe giapponesi, su tutte la celeberrima onda di Hokusai (in dialogo con quella di Courbet), a ricordare la passione per l'arte dell'Estremo Oriente degli Impressionisti. In totale 140 opere, quasi tutti dipinti, ma anche fotografie e incisioni a colori su legno provenienti da grandi musei e collezioni pubbliche e private di mezzo mondo. Con in più anche l'ulteriore esposizione finale, nella sala ipogea, dedicata alla pittura italiana del secondo Novecento “Da Guttuso a Vedova a Schifano”, mentre il prologo del percorso è costituito da tre capolavori, un Tiziano, un Rubens e un Rembrandt dalla Galleria Nazionale Scozzese, “regalo” per ricordare tutti i musei e le istituzioni che hanno collaborato concedendo i loro prestiti in questi vent'anni.
Una rassegna- kolossal (come l'ha definita lo stesso curatore) si presta a innumerevoli piani di godimento: “Ho voluto fare una mostra con una forte componente didattica, per chi vuole vedere 140 cose stupende come in un museo e chi invece può trovare varie letture”.

L'esposizione aprirà ufficialmente al pubblico venerdì 28 sera (con il weekend del Pinarello Festival) e durerà fino al 17 aprile. E' promossa da Linea d’ombra e Comune di Treviso – con la fondamentale partecipazione di Segafredo Zanetti e UniCredit in qualità di Main sponsor, Generali come Special sponsor, Euromobil come Fidelity Sponsor, assieme a Unindustria Treviso e Pinarello come partner.