Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/178: LIGNANO OPEN, IL 6° APPUNTAMENTO DELL'ITALIAN PRO TOUR 2017

Primo l'austriaco Markus Habeler con 200 colpi, 16 sotto Par


LIGNANO - È tornata al Golf Club Lignano questo importante appuntamento. Anticipato mercoledì 19 luglio da una speciale Pro Am, ha preso il via in grande stile sul tracciato friulano, il Lignano Open, sesto torneo dell’Italian Pro Tour 2017; fa parte del circuito di gare...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Parla il futuro presidente del club biancoceleste

VISSOLI: "ECCO COME SARÀ IL MIO NUOVO CALCIO TREVISO"

"In 5 anni vogliamo tornare fra i professionisti"


TREVISO - Prima intervista con Massimiliano Vissoli, il nuovo presidente del Calcio Treviso in pectore: dopo l'assegnazione al suo gruppo della gestione dello stadio Tenni, in settimana si ufficializzerà il passaggio di proprietà con Tiziano Nardin. "La conclusione è vicina e noi, salvo ripensamenti della controparte, siamo pronti. Avere lo stadio era la conditio sine qua non, fra l’altro è un impianto con un nome ed una storia importante. So com’è ridotto, ho fatto un sopralluogo: un problema dovuto probabilmente al fatto dell’assenza di gestione. Ma lo la squadra di calcio è importante, è una questione anche di appartenenza ad una intera città che offre parecchio dal punto di vista aziendale: verrò a vedere sicuramente la mostra sugli Impressionisti e il discorso che farò sarà legato anche all’immagine e della presenza delle relazioni imprenditoriali che si possono formare attraverso il calcio, il marketing e quant’altro. Non riesco a capire perché una città così ricca da questo punto di vista non sia ancora riuscita ad avere la squadra ad un certo livello. Mi sono reso conto anch’io che nel calcio c’è poca serietà, è visto come uno strumento da sfruttare per far soldi senza un progetto a lungo termine. Il nostro è quinquennale, ma qui non intendo fare promesse tipo <fra due anni siamo in Lega Pro>: l’obiettivo è questo, chiaro, Treviso lo merita, le altre squadre di basket, volley e rugby attirano tanta gente, allora mi chiedo perché il calcio, che è lo sport per eccellenza, non può fare lo stesso."
Bisognerebbe risalire di categoria.
"Effettivamente vederlo in questa categoria disturba; come disturba uno stadio desolato, lasciato andare: bisogna organizzare degli eventi, coinvolgere la gente."
Sarebbe interessante sapere di più sul vostro gruppo.
"Sarà presentato più avanti: i soci appariranno al momento come sponsor, avevo chiesto alla Lega di poter fare subito la trasformazione in srl ma mi hanno detto che si potrà fare solo a giugno. Al momento sono io la persona fisica a rappresentare i vari soggetti che finanziano questa operazione, fra cui due o tre di Treviso ben conosciuti. Inoltre come consulente avremo Marcelo Segundo, ex rugbista ed ora procuratore di diversi calciatori."