Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, torneranno visibili ad aprile del prossimo anno

IL MOSAICO DI VIA CANONICHE VA IN LETARGO INVERNALE

Da lunedì i resti paleocristiani coperti per preservarli


TREVISO - Ultimi giorni per ammirare il mosaico di via Canoniche prima della sua copertura invernale. La soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per l'area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso, comunica che lunedi 14, come di consueto, il reperto tardoantico nei pressi del Duomo verrà ricoperto di sabbia per proteggerlo durante il periodo invernale. La scopertura è prevista per aprile 2017. Il mosaico fu rinvenuto nel 1967, durante i lavori per la risistemazione dell'area: parte di un edificio, comprende tre fasce concentriche di decorazioni con delfini, tralci di vite con uccelli e amorini, pesci e conchiglie, oltre a motivi stilizzati. E' stato datato al IV secolo dopo Cristo e, secondo gli studi più accreditati studi, potrebbe trattarsi del fondo di una vasca battesimale paleocristiana, anche se non si esclude possa essere la pavimentazione di un edificio precedente solo in seguito convertito a battistero.