Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Incontro degli amministratori locali con l'ad Carrus

I SINDACI A VENETO BANCA: "TRASPARENZA SUL FUTURO"

Raccolta firme nei municipi per la commissione d'inchiesta


MONTEBELLUNA - Due ore di confronto sul futuro di Veneto Banca e le
conseguenze per il territorio. Oltre una trentina di sindaci hanno risposto all'invito di Marzio Favero, per un incontro con l'amministratore delegato del gruppo bancario, Cristiano Carrus. Con loro, nella sala del consiglio comunale montebellunese, anche don Enrico Torta e alcuni rappresentanti del coordinamento della associazioni soci delle ex popolari venete.
Gli amminstratori locali hanno sollecitato trasparenza sulle strategie future, a partire della possibile fusione. Carrus ha fattto capire come difficilmente Veneto Banca possa rimanere sola ed ha ribadito che l'aggregazione con Popolare di Vicenza è un'ipotesi su cui si sta lavorando, ma non è escluso non si possano individuare altri partner. L'impatto sociale dell'unione, con gli eventuali esuberi - ha assicurato l'ad - sarà comunque minimizzato utilizzando tutti gli strumenti a disposizione, ma anche, nel caso, con ulteriori possibili formule come riduzione degli stipendi dei dirigenti o forme di mini-solidarietà, accorciando l'orario di lavoro di un'ora tra tutti i dipendenti.
I sindaci, inoltre, si faranno promotori di una raccolta di firme per istituire una commissione parlamentare d'inchiesta che accerti le responsabilità, nel crollo dell'istituto montebellunese, da parte degli ex vertici, ma anche degli organismi di controllo, comprese Consob e Banca d'Italia.
Proprio quel maggior coinvolgimento dei sindaci, auspicato da don Torta, sottolineando come "molti non si sono ancora resi ben conto della tragedia avvenuta".
All'uscita Carrus ha rilasciato una stringatissima dichiarazione ai cronisti che lo seguivano: "E' andata bene, io ero ospite. Sulle dimissioni ha già parlato il presidente. Ai sindaci ho fatto una normale relazione, ho tracciato alcune cose importanti che loro hanno colto e che saranno fondamentali per le strategie future".