Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Appuntamento per conoscore corsi, servizi e borse di studio

AL PIO X LA PRIMA FIERA DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE E STRANIERE

Sabato, 19 atenei si presenteranno ai futuri studenti


TREVISO - La prima edizione della Fiera delle Università italiane e straniere si apre sabato prossimo 12 novembre al Collegio Pio X. L’appuntamento è dalle 10 alle 17 e sono invitati tutti gli alunni e i genitori dei trienni delle Scuole Superiori e Internazionali del Triveneto. Si tratta di una iniziativa per mettere a disposizione di tutte le scuole del Nordest quelle informazioni che gli studenti delle superiori e le loro famiglie cercano per orientare i futuri studi universitari. “Sulla scia dell’impulso recente ad un respiro internazionale - ha detto il rettore del Pio X, monsignor Lucio Bonomo - il Pio X si è proposto come riferimento per anticipare e costruire quel dialogo molto utile tra giovani e università, in modo da far conoscere le specificità dei diversi atenei e far capire anche quali siano gli ingredienti del loro ‘pacchetto’ di servizi allo studente, comprese le condizioni per accedere alle borse di studio”.
Ricco il ventaglio degli atenei  presenti. E’ arrivata, in tempo utile, anche la conferma dall’Università Federico II di Napoli che sarà presente con “iOS Developer Academy”, ossia la branchia creata dalla Apple di Cupertino. Hanno accolto l’invito le più importanti università italiane e straniere tra cui Bocconi University, Collegio Internazionale Ca’ Foscari di Venezia, ESADE Business School & Law School, Glion Institute of Higher Education, John Cabot University Rome, Luiss Guido Carli, Macromedia University of Applied Sciences, New College of Humanities London, Politecnico di Torino, Sant’Anna Scuola Universitaria Superiore di Pisa, Sustainability Management School Switzerland, The American University of Rome, TUDelft University of Technology, Università Ca’ Foscari, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e, infine, la iOS Developer Academy della Federico II di Napoli.
I Collegi e le Università che sabato parteciperanno alla prima “University Fair del Collegio Pio X” hanno già inviato gli allestimenti per i propri desk e schiereranno davanti ai visitatori loro personale e materiale illustrativo. Sono previste anche due conferenze, una alle 11 e una alle 16.
Alle 11 parlerà la profesoressa Loriana Pelizzon, ordinario di Politica Economica a Ca’ Foscari, oltre che  Program Director of the Systemic Risk Lab e docente alla cattedra di Legge e Finanza all’università di Francoforte. Nel pomeriggio parlerà il dottor Marco Patuano, ceo di imprese multinazionali. “Abbiamo compiuto un grande sforzo”, ha detto mons, Bonomo, “e siamo consapevoli di aver creato una vera e propria Fiera delle conoscenze e delle opportunità che abbracciano le maggiori università dell’Occidente e tutte le Scuole del Triveneto, territorio per profonde ragioni storiche aperto alla internazionalizzazione e alla curiosità verso genti e mercati lontani”.