Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Sabato 12 novembre appuntamento nel suggestivo auditorium di Santa Caterina

VIVAVOCE FESTIVAL, SECONDO APPUNTAMENTO CON LE NINIWE

La formazione tedesca presenta sonorità che fondono classica e jazz


TREVISO - Secondo appuntamento per Vivavoce International a Cappella Festival. Sabato 12 novembre ospiti dell’Auditorium di Santa Caterina saranno le tedesche Niniwe.

Il successo di questo quartetto tutto al femminile inizia nel 2002, in occasione della cerimonia di premiazione del JazznachwuchsStipendium, premio per i migliori talenti jazz che si tiene a Lipsia. Da allora il quartetto si è esibito con successo per tutta Europa in numerosi Festival, suscitando sensazionali favori di pubblico e critica per i loro fantasiosi arrangiamenti.
Un suono ricercato che le colloca a metà strada tra la musica jazz e classica, con armonie d’avanguardia e ritmi inusuali, profondità, groove ed elementi di improvvisazione che superano le distinzioni tra i generi.