Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nascondeva le dosi tra i vestiti nella sua casa di S. DonÓ

COCAINA TRA LE CAMICIE, COLOMBIANO NEI GUAI

Trentenne cameriere a Treviso arrestato dalla Mobile


SAN DONA' - Nascondeva la cocaina tra le camicie. Un 30enne colombiano è stato arrestato dalla Polizia di Treviso. L'uomo, residente a San Donà, dopo aver vissuto nella Marca, nei giorni scorsi si è presentato negli uffici della Questura di Venezia, per richiedere il passaporto. Di recente, infatti ha ottenuto la cittadinanza italiana per matrimonio, avendo sposato una donna italiana, a sua volta di origini latino-americane. Il 30enne – a suo dire di professione cameriere - era già noto alle forze dell'ordine, per far parte del gruppo di connazionale che frequentano un locale in viale della Repubblica, dove in passato sono già state effettuate operazioni antidroga. Proprio le segnalazioni a suo carico emerse con un controllo a suo carico hanno insospettito i poliziotti veneziani, che hanno così avvertito i colleghi trevigiani. Gli agenti della Mobile, guidati da Claudio Di Paola, hanno così deciso di effettuare una perquisizione nell'abitazione del colombiano. E nell'armadio in camera da letto, tra i vestiti sono stati trovati 7,2 grammi di polvere bianca, suddivisa in dosi, oltre al cellophane per confezionare gli involucri e a 5.350 euro in contanti. Per il 30enne sono scattate le manette.