Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Colpisce ancora il re trevigiano dei raggiri

TRUFFATORE- PAPĀ, LA POLIZIA LO INCASTRA

Per il compleanno del figlio non si libera dell'auto


TREVISO - Colpisce ancora il re trevigiano della truffa. Stavolta, però, Ivan Baricevic è stato tradito dal cuore di padre. La tecnica è quella classica: l'uomo ha risposto all'annuncio con cui un 30enne veronese metteva in vendita su un sito internet specializzato la sua Mercedes Slk. Concluso l'accordo, il sedicente acquirente è riuscito a convincere il venditore a formalizzare il passaggio di proprietà, nonostante avesse versato solo 2.500 dei diecimila euro pattuiti. Inutile dire che il resto del saldo non è mai stato effettuato. Di solito, in questi frangenti, i truffatori portano immediatamente la vettura nell'Europa dell'Est o la smontano, per farne perdere definitivamente le tracce. Il trevigiano, invece, ha rinviato il completamento del “lavoro” per prendere parte alla festa di compleanno di uno dei due figli piccoli. E questo ha dato modo alla Polizia di Treviso, a cui era giunta la denuncia del veronese, di presentarsi al suo domicilio, recuperare l'auto, di cui era stato chiesto il sequestro, e denunciare il papà-truffatore.