Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Colpisce ancora il re trevigiano dei raggiri

TRUFFATORE- PAPÀ, LA POLIZIA LO INCASTRA

Per il compleanno del figlio non si libera dell'auto


TREVISO - Colpisce ancora il re trevigiano della truffa. Stavolta, però, Ivan Baricevic è stato tradito dal cuore di padre. La tecnica è quella classica: l'uomo ha risposto all'annuncio con cui un 30enne veronese metteva in vendita su un sito internet specializzato la sua Mercedes Slk. Concluso l'accordo, il sedicente acquirente è riuscito a convincere il venditore a formalizzare il passaggio di proprietà, nonostante avesse versato solo 2.500 dei diecimila euro pattuiti. Inutile dire che il resto del saldo non è mai stato effettuato. Di solito, in questi frangenti, i truffatori portano immediatamente la vettura nell'Europa dell'Est o la smontano, per farne perdere definitivamente le tracce. Il trevigiano, invece, ha rinviato il completamento del “lavoro” per prendere parte alla festa di compleanno di uno dei due figli piccoli. E questo ha dato modo alla Polizia di Treviso, a cui era giunta la denuncia del veronese, di presentarsi al suo domicilio, recuperare l'auto, di cui era stato chiesto il sequestro, e denunciare il papà-truffatore.