Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Colpisce ancora il re trevigiano dei raggiri

TRUFFATORE- PAP└, LA POLIZIA LO INCASTRA

Per il compleanno del figlio non si libera dell'auto


TREVISO - Colpisce ancora il re trevigiano della truffa. Stavolta, però, Ivan Baricevic è stato tradito dal cuore di padre. La tecnica è quella classica: l'uomo ha risposto all'annuncio con cui un 30enne veronese metteva in vendita su un sito internet specializzato la sua Mercedes Slk. Concluso l'accordo, il sedicente acquirente è riuscito a convincere il venditore a formalizzare il passaggio di proprietà, nonostante avesse versato solo 2.500 dei diecimila euro pattuiti. Inutile dire che il resto del saldo non è mai stato effettuato. Di solito, in questi frangenti, i truffatori portano immediatamente la vettura nell'Europa dell'Est o la smontano, per farne perdere definitivamente le tracce. Il trevigiano, invece, ha rinviato il completamento del “lavoro” per prendere parte alla festa di compleanno di uno dei due figli piccoli. E questo ha dato modo alla Polizia di Treviso, a cui era giunta la denuncia del veronese, di presentarsi al suo domicilio, recuperare l'auto, di cui era stato chiesto il sequestro, e denunciare il papà-truffatore.