Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Organizzato sabato dal reparto dell'ospedale di Conegliano

OLTRE 200 SPECIALISTI DI UROLOGIA A CONFRONTO A TARZO

Primo convegno in Veneto su novitÓ diagnostiche e manageriali


TARZO -  Oltre duecento medici, la maggior parte specialisti del settore e docenti universitari, provenienti da tutta Italia, si confronteranno sabato 19 novembre, nella sala convegni della Banca Prealpi di Tarzo per portare le loro esperienze e le loro idee sul nuovo progetto del PDTA (percorso diagnostico terapeutico assistenziale) prendendo proprio come riferimento l’urologia di Conegliano, la quale da diverso tempo sta seguendo questo progetto con ottimi risultati. Il convegno dal titolo: "L'urologia tra clinica e managerialità nella nuova organizzazione sanitaria - Update sulle neoplasie uroteliali" sarà il primo su questo tema a livello nazionale organizzato nel Veneto. Come hanno confermato sia il primario dell’urologia di Conegliano Valerio Salvatore organizzatore del convegno, che da 25 anni dirige il reparto coneglianese, con al suo attivo miglia di interventi, sia il direttore medico Michelangelo Salemi: Con questa nuova iniziativa, quando ad un paziente viene diagnosticato un carcinoma prostatico, entra in un circuito virtuoso e viene seguito subito da una equipe di specialisti dal giorno della scoperta del tumore, fino alla sua completa guarigione, comprese le successive visite di controllo. Il secondo tema sono gli indicatori di performance, cioè controllare non solo le prestazioni sanitarie e gli esiti finali, ma anche i risultati in termini di qualità, efficienza, benessere per il paziente e le risorse umane impiegate. Un altro punto a favore per l’urologia di Conegliano è quello che: i chirurghi operano in laparoscopia, un nuovo metodo che permette un recupero del paziente molto più veloce ed una guarigione perfetta. Come tiene a sottolineare il Direttore Medico Michelangelo Salemi, Il primario d’urologia Valerio Salvatore da oltre una anno, sta facendo anche scuola all’interno del suo reparto di Conegliano, con l’intento di far crescere un bel gruppo di giovani non solo medici chirurghi, ma anche ricercatori, ed infermieri, in modo d’avere tra non molto un’eccellenza in questo settore che non avrà sicuramente rivali non solo nel Veneto, ma forse anche in Italia.
Diego Berti