Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Assemblea a Montebelluna con poco più di 500 azionisti

VENETO BANCA, SÌ ALL'AZIONE DI RESPONSABILITA'

I soci votano le cause contro Trinca, Consoli e gli ex vertici


MONTEBELLUNA - Via all'azione di responsabilità nei confronti degli ex vertici di Veneto Banca. L'assemblea dei soci dell'istituto montebellunese ha approvato a larghissima maggioranza (il sì sono stati il 99,9%) la proposta del consiglio di amministrazione. Si procederà dunque nei confronti dei componenti del cda in carica dsal primo gennaio 2006 al 26 aprile 2014, data in cui Flavio Trinca e il suo consiglio si presentarono dimissionari e venne eletto alla presidenza Francesco Favotto. L'azione sarà rivolta anche contro l'ex direttore generale Vincenzo Consoli.
All'assemblea, al momento del voto, erano presenti 507 soci, di persona e per delega, in rappresentanza di azioni per circa 9,9 miliardi, pari al 97,64% del capitale. Da notare, naturalmente, che il 97% delle quote è in mano ad un unico azionista, il Fondo Atlante. L'esito era dunque del tutto scontato.
Agli ex amministratori, anche secondo quanto rilevato dai consulenti legali incaricati allo scopo, vengono vengono contestate irregolarità nella gestione della banca ed anomalie nella concessione degli affidamenti, in particolare nella valutazione dei rischi, oltre ad altri aspetti poco chiari legati alla compravendita delle azioni e nel pagamento di collaboratori esterni in assenza di contratti.