Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In finale anche la Rinocciola di Silea, produttrice di olii cosmetici

BIO E AL RADICCHIO: LA BIRRA TREVIGIANA ╚ DA OSCAR (GREEN)

Paolo Marangon, di Carbonera, vinca il premio di Coldiretti per l'innovazione


TREVISO - Biodinamica, al radicchio e trevigiana. Un mix che ha meritato alla birra di Zolla 14 l'Oscar Green. E', infatti, il trevigiano Paolo Marangon, con la birra bio prodotta nella sua impresa di Carbonera, il vincitore dell'annuale riconoscimento promosso da Coldiretti nazionale, per premiare l'innovazione in agricoltura.
Le premiazioni si sono svolte a Roma, Marangon si è imposto nella categoria "Campagna Amica", una delle cinque sezioni del concorso - tra l'altro la più gettonata - che identifica i progetti dove il rapporto tra produttore e consumatore è esaltato. E' proprio il caso di Zolla 14, azienda di 11 ettari e 5mila alberi, specializzata nelle coltivazioni organiche e biodinamiche. La birra, una "stagionale", prodotta cioè una sola volta all'anno, è realizzata seguendo il percorso del radicchio di Treviso, con il suo rigido disciplinare Igp, ma anche  rispettando nei diversi processi di lavorazione un disciplinare biodinamico, basato sul calendario astronomico.
Zolla 14 produce anche un succo limpido di mela di 7 varietà monocultivar e blend, sempre da agricoltura biodinamica.
A rappresentare la Marca, tra i finalisti della categoria c'era anche Rinocciola, impresa di Silea, della famiglia Serafin, specializzata in olio di nocciola per usi cosmetici. Non può dunque che essere soddisfatto Walter Feltrin, presidente provinciale di Coldiretti: "E’ la vittoria dei giovani imprenditori made in Italy capaci di stupire il mondo, è la vittoria di Campagna Amica, la strategia di Coldiretti che ha accorciato la filiera agricola stipulando un vero patto con i consumatori".