Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dal Duomo a piazza dei Signori, nel mirino anche il prefetto

LEGA IN CORTEO A TREVISO CONTRO I PROFUGHI

In 200 alla fiaccolata per dire basta all'immigrazione


TREVISO - No ai profughi. Circa 200 persone - tra amministratori locali e militanti - hanno dato vita alla fiaccolata organizzata dalla Lega Nord in centro a Treviso per protestare contro l'accoglienza di nuovi immigrati. Il corteo, con fiaccole, bandiere e cartelli, da piazza Duomo ha raggiunto piazza dei Signori, dove hanno preso la parola alcuni rappresentanti del partito: a aprirlo lo striscione "Basta clandestini". Tra i presenti, gli assessori regionali Federico Caner e Roberto Marcato, il consigliere regionale Riccardo Donadon, il sindaco di Castelfranco e presidente della Provincia Stefano Marcon, i sindaci di Oderzo Maria Scardellato e di Arcade Domenico Presti, il segretario provinciale della Lega Dimitri Coin e quello comunale Massimo Candura.
Secondo il movimento politico, la stragrande maggioranza dei richiedenti asilo non ha i requisiti per rientrare in questa categoria. Nel mirino del Carroccio in primo luogo il prefetto di Treviso, Laura Lega, per la sua gestione del fenomeno profughi: "È ora di finirla di riempiere le caserme dismesse, gli hotel, gli agriturismi e i singoli appartamenti di clandestini che non sappiamo da dove vengono e chi sono realmente - ha ribadito il responsabile provinciale del partito, Dimitri Coin -. È ora di dire basta a cooperative create ad hoc per fare business sui migranti. Meno di un terzo ha i requisiti per ottenere lo status di profugo. E gli altri? Quanti sono? Quanti ancora ce ne dovremo aspettare? Chi pagherà quando i migranti economici non avranno la copertura dello Stato?"