Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dal Duomo a piazza dei Signori, nel mirino anche il prefetto

LEGA IN CORTEO A TREVISO CONTRO I PROFUGHI

In 200 alla fiaccolata per dire basta all'immigrazione


TREVISO - No ai profughi. Circa 200 persone - tra amministratori locali e militanti - hanno dato vita alla fiaccolata organizzata dalla Lega Nord in centro a Treviso per protestare contro l'accoglienza di nuovi immigrati. Il corteo, con fiaccole, bandiere e cartelli, da piazza Duomo ha raggiunto piazza dei Signori, dove hanno preso la parola alcuni rappresentanti del partito: a aprirlo lo striscione "Basta clandestini". Tra i presenti, gli assessori regionali Federico Caner e Roberto Marcato, il consigliere regionale Riccardo Donadon, il sindaco di Castelfranco e presidente della Provincia Stefano Marcon, i sindaci di Oderzo Maria Scardellato e di Arcade Domenico Presti, il segretario provinciale della Lega Dimitri Coin e quello comunale Massimo Candura.
Secondo il movimento politico, la stragrande maggioranza dei richiedenti asilo non ha i requisiti per rientrare in questa categoria. Nel mirino del Carroccio in primo luogo il prefetto di Treviso, Laura Lega, per la sua gestione del fenomeno profughi: "È ora di finirla di riempiere le caserme dismesse, gli hotel, gli agriturismi e i singoli appartamenti di clandestini che non sappiamo da dove vengono e chi sono realmente - ha ribadito il responsabile provinciale del partito, Dimitri Coin -. È ora di dire basta a cooperative create ad hoc per fare business sui migranti. Meno di un terzo ha i requisiti per ottenere lo status di profugo. E gli altri? Quanti sono? Quanti ancora ce ne dovremo aspettare? Chi pagherà quando i migranti economici non avranno la copertura dello Stato?"