Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sabato ultimo seminario di approfondimento a Vittorio Veneto

UMBERTO CURI E LA LOTTA AL TERRORISMO AL MUSEO DELLA BATTAGLIA

Il filosofo padovano rifletterà sugli squilibri provocati dai conflitti


VITTORIO VENETO - Sabato 19 novembre alle 10 al Museo della Battaglia di Vittorio Veneto (Piazza Giovanni Paolo I) la seconda edizione degli aggiornamenti al Museo della Battaglia si avvia a conclusione con la lectio magistralis del professore Umerto Curi sulle conseguenze degli squilibri economici fra aree diverse del pianeta e dell’influenza delle tecnologie sulla guerra, attraverso la discussione pubblica sul volume "I figli di Ares. Guerra infinita e terrorismo" (Castelvecchi editore, 2016).
Nel primo appuntamento del 28 ottobre lo storico ed editorialista del Corriere della Sera Ernesto Galli della Loggia ha proposto una lettura della storia europea come caratterizzata dalla guerra e dalla capacità degli Stati europei di imporre se stessi in altre zone del pianeta. Nella seconda lezione il magistrato e scrittore Francesco Mario Agnoli, già Presidente dell’associazione Identità Europea fondata dal medievista Franco Cardini, ha proposto una interpretazione diversa negando che la guerra sia un elemento costitutivo dell’identità europea, attribuendo alcune colpe al ruolo della Rivoluzione francese che ha esteso il conflitto alle masse e all’intera Nazione con effetti drammatici.
Umberto Curi è professore emerito di Storia della Filosofia all’Università di Padova e autore tra i diversi volumi di Via di qua. Imparare a morire (2011), Straniero (2010), Pensare la guerra. L’Europa e il destino della politica (1999). L’incontro di sabato 19 novembre 2016 sarà moderato dall’ideatore del progetto, il professor Guglielmo Cevolin docente di materie giuspubblicistiche all’Università di Udine e Presidente di Historia, Coordinatore del LiMes Club Pordenone Udine Venezia e direttore del Corso di Geopolitica giunto alla XX edizione nel 2016.
A Vittorio Veneto il Gruppo Studi Storici e Sociali Historia in collaborazione con l’Amministrazione Comunale incardina un laboratorio di studio e aggiornamento sulla guerra al Museo della Battaglia: la discussione pubblica sui volumi I figli di Ares. Guerra infinita e terrorismo (Castelvecchi editore, 2016) di Umberto Curi, Senza la guerra (Il Mulino editore, 2016) con scritti di Ernesto Galli della Loggia, Massimo Cacciari e Lucio Caracciolo e Grande Guerra: le radici e gli sconfitti. Europei, Cattolici, Operatori di pace (edizioni Il Cerchio 2015) di autori vari, contribuisce a uno studio sulla guerra nello straordinario contesto del Museo della Battaglia.