Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/166: I GIORNALISTI GOLFISTI SI SFIDANO IN EMILIA

Il Challenge Aigg fa tappa al club Le Fonti e Bologna


BOLOGNA - Siamo in Emilia, per la terza e quarta tappa del Challenge Aigg Diavolina, e la prima giornata è al Club “Le Fonti”. Ci affacciamo ai piedi dell’appennino tosco emiliano in comune di Castel San Pietro Terme, appena un po’ a est di Bologna sulla storica Via...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tra i percorsi, la Rocca, ma anche la Grande guerra e l'olivo secolare

PER ANTICHI SENTIERI, ALLA SCOPERTA DEI COLLI ASOLANI

Pubblicata una nuova mappa con itinerari nel territorio


ASOLO - I Colli Asolani serbano intatta la loro fisionomia primitiva. Poco o nulla, la mano dell'uomo ne ha alterato la figura e i contorni ondulati e seghettati.
La catena si sviluppa da nordest a sudovest, a partire dalla riva destra del Piave sino al torrente Muson, coinvolgendo cinque diversi comuni: Asolo, Monfumo, Castelcucco, Maser e Cornuda.  Ma la catena è in continuità con altri rilievi più modesti, da Onigo a Crespano del Grappa, da Pagnano a Romano d’Ezzelino. Si presenta con una serie di dossi e creste, intersecati da valli e platee, si rivelano senza zoccolo, recisi, dalle depressioni e dai fondi scavati dalle acque. Dal punto di vista orogenetico, si sono originati tra 65 e 5 milioni di anni fa, come depositi marini emersi in seguito ai movimenti delle plache.
Per scoprire questo territorio tra la pianura e le prime propaggini delle Prealpi, ecco una nuova mappa. Il turista, ma soprattutto l'appassionato, troverà le indicazioni per addentrarsi in paesaggi incontaminati, tra sentieri noti ed altri meno battuti. Un viaggio alla scoperta delle “Montagnole”, percorrendo ad esempio “La Buttarella”, o il sentiero della “Rocca”, o ancora il “Sentiero delle Due Rocche”, o il “Sentiero degli Ezzelini”. Itinerari a siti artistici o naturalistici già conosciuti, ma anche legati alle postazioni della Prima Guerra Mondiale di “Poggio San Martino”, “Colle Forabosco” o il “Parco della Rimembranza”, oppure a produzioni tipiche, dall'Asolana un antico olivo che produce frutti da oltre tre secoli, al vitigno autoctono Recantina, citato già nel 1.600 poi disperso e solo di recente recuperato, al miele, fino a BoscAsolo un progetto per esaltare la fruibilità dei boschi e delle aree agricole dei Colli, in particolari verso gli alunni della scuola dell'infanzia e della scuola primaria. come accade a “BoscAsolo”.
“Un'opportunità perché il visitatore non si senta solo turista, ma ospite temporaneo del territorio, scoprendo i valori del bosco e dei terreni agricoli intesi come un patrimonio che va conosciuto, rispettato e valorizzato come risorsa per il futuro, a garanzia di una migliore qualità della vita - ribadisce il sindaco Mauro Migliorini -. Una promozione del turismo slow, lento, dove prevale l’identità locale e non lo standard, dove viene valorizzato il territorio, l’ambiente, la cultura e il patrimonio umano. Si tratta in definitiva di immaginare uno sviluppo sostenibile del territorio, proponendo al turista viaggiatore una esperienza unica e speciale in forte contatto con la comunità locale e con la sua identità”.


Oltre ai noti siti storici, religiosi e culturali, molto altro da scoprire, come ad esempio:

La riscoperta dell’olivo: “Asolana”

E' stato battezzato “Asolana” questa antica pianta che produce olive tutti gli anni da oltre 300 anni. Dallo storico ceppo sono germinati 7 olivi. Si trova in località San Martino di Asolo, terra di olivi, una coltivazione qui praticata da più di 2 mila anni. Un regalo che viene dall'antica Grecia. Olive sane ed abbondanti.
Si prevede un più 30 per cento di produzione, mentre a livello nazionale siamo attorno a un meno 40 per cento.

Un'antica uva ritrovata: “Recantina”

Un vitigno di cui si ha notizia già a oartire dal 1600, quando l'Agostini lo citava poiché “l'uva fa vino buono e bello,si conseva senza problemi”.
Un vitigno disperso nel corso dei secoli perché soppiantato da vitigni internazionali.
E proprio sulle Colline di Asolo, qualche anno fa, sono state messe a dimora cinquecento barbatelle di Recantina, dopo che il vitigno storico era stato identificato proprio sul Colle San Martino con studi dell'Istituto sperimentale di Conegliano.

Il miele

Nella zona dei Colli Asolani, ricca di specie floreali, la produzione di miele ha avuto un importante sviluppo e, soprattutto nell’ultimo secolo ha produzioni di qualità elevate, apprezzate per le particolari caratteristiche organolettiche che il prodotto riesce a manifestare.
Storicamente, questo è un territorio ideale per l’apicoltura, soprattutto perché è possibile valorizzare il cosiddetto “Nomadismo Interno”, intendendo con ciò la possibilità di spostare gli alveari da 200 metri sul livello del mare, fino ai 1780 m. del Monte Grappa. Tutto questo favorisce maggiore forza e sviluppo delle colonie d’api ed una qualità e quantità indiscussa di produzione.

BoscAsolo

Il progetto BoscAsolo nasce per promuovere e valorizzare, in particolare nelle nuove generazioni, dalla scuola dell’infanzia alla primaria, la fruibilità dei boschi e delle aree agricole dei Colli Asolani rendendole consapevoli dei valori e del patrimonio ambientale, storico ed economico di questi luoghi