Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accertate 700 cessioni e sequestrato mezzo chilo di stupefacente

EROINA PURISSIMA IN MEZZA MARCA, ARRESTATO TUNISINO

Sgominato dai Carabinieri di Treviso vasto giro di droga


PREGANZIOL - Aveva messo in piedi un giro di droga di notevole portata, rifornendo di eroina purissima (perciò ancora più pericolosa) numerosi clienti nel capoluogo e in tutta l'area meridionale della Marca. Un'attività ora sgominata dai Carabinieri: i militari della Compagnia di Treviso, guidati dal maggiore Stefano Mazzanti, hanno notificato un'ordinanza di custodia ad un tunisino di 39 anni, Ben Boubaker Hafed. Il magrebino, in realtà, si trovava già in carcere: le indagini nei suoi confronti, infatti, erano partite alcuni mesi fa, su segnalazione dei vicini di casa, insospettiti dal continuo via vai nella sua abitazione a San Trovaso, in comune di Preganziol. In una prima perquisizione nel suo appartamento, però, i Carabinieri non hanno trovato stupefacente, ma seimila euro in contanti. Sequestrati, perchè ritenuti provento di spaccio, insieme ad un telefonino.
Lungi dall'essere intimorito, il nordafricano, con precedenti, aveva continuato imperterrito la sua attività. Anzi, si era procurato un nuovo cellulare, mantenendo, però, il vecchio numero, per rendere più facile ai clienti contattarlo.

Il 9 settembre scorso, gli uomini dell'Arma, che continuavano a stargli alle costole, l'hanno fermato mentre era in auto con un'altra persona. Il 39enne ha cercato di fuggire a piedi, abbandonando vettura e compagno e gettando in un vicino campo di radicchio un panetto di eroina da 571 grammi. Le successive analisi hanno rivelato che si tratta di una qualità tra le più pure sequestrate negli ultimi anni.
Per il tunisino si sono così aperte le porte di una cella a Santa Bona, per detenzione di droga. Grazie alle successive verifiche sul traffico telefonico e alle testimonianze dei clienti, gli investigatori hanno potuto accertare almeno 700 cessioni di droga a 18 clienti tra i 20 e i 40 anni, denunciando così il 39enne anche per spaccio. Ed ora la sua posizione penale si complica.