Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Da inizio anno 104 dipendenti in mobilitÓ volontaria

GRUPPO BENETTON, LA PREOCCUPAZIONE DEI SINDACATI

Per la Cgil, le dimissioni di Alessandro "altro segno di incertezza"


TREVISO - Le dimissioni di Alessandro Benetton dal consiglio di amministrazione della principale azienda del gruppo di famiglia preoccupano i sindacati. Anzi, secondo Maria Cristina Furlan, segretaria provinciale della Filtcem, l'organizzazione dei tessili della Cgil, sono "un nuovo grave motivo di preoccupazione che si somma alle molte incertezze che si stanno accumulando da molti mesi sul futuro dell'azienda".
Ad aumentare i timori, il fatto che, secondo indiscrezioni, il figlio di Luciano avrebe deciso di fare un passo indietro perchè in disaccordo con la prospettiva di un ulteriore piano di ristrutturazione dell'azienda. Alessandro, a capo di 21 Investimenti, invece avrebbe preferito insistere con un programma di investimenti per rilanciare marchi e prodotti.
La responsabile della Filtcem trevigiana segnala anche come, dall'inizio dell'anno, siano 104 (ed altri dieci si aggiungeranno a breve) i dipendenti delle sedi di Castrette e Ponzano che hanno accettato di dimettersi, entrando in mobilità volontaria e accedendo agli incentivi. Un ulteriore sintomo dell'incertezza vissuta all'interno dell'azienda, anche per "l'assenza di un vero piano industriale e di un procedere aziendale che si fonda solo su progetti estemporanei come, ad esempio, le nuove produzioni di maglie senza cuciture della linea ' Treviso 31100'". "Non si tratta affatto di una iniziativa che intende riportare le produzioni in Italia - attacca la sindacalista - perché dietro a quei telai di ultima generazione lavora appena una ventina di persone".
Furlan, riferendo di "voci ricorrenti" in base alle quali nei primi mesi del prossimo anno si verificherebbero le dimissioni anche dell'amministratore delegato, Marco Airoldi, sottolinea come nello sciopero di pochi giorni fa per il rinnovo del contratto di lavoro del tessile alla Benetton abbia aderito "molto personale impiegatizio", di norma estraneo alle agitazioni. Questo, conclude, "a testimonianza di un clima di disagio e incertezza per il futuro della produzione e del marchio Benetton".
Per la Femca Cisl, invece, "con le informazioni disponibili in questo momento non è possibile fare una valutazione approfondita sulle motivazione ne tantomeno sugli effetti delle dimissioni. "Alessandro Benetton aveva già fatto negli anni scorsi dei passi indietro rispetto alla gestione dell'azienda, di cui era stato presidente, affidando a manager esterni tutti gli incarichi", dicono Nicola Brancher e Sergio Spiller. I rappresentanti del sindacato non vedono nell'addio dell'ex presidente un legame "con la strategia di rilancio del tessile necessaria per mantenere competitività nel mercato globale". "E' invece probabile - sottolineano - che le dimissioni facciamo parte di quel riequilibrio dei ruoli interni alla famiglia Benetton, siamo già alla terza generazione, che è in corso da tempo".