Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un convegno sul tema il 2 dicembre promosso dalla Chirurgia plastica

ALL'ULSS TREVIGIANA UNA TASK FORCE PER LE FERITE ALLE GAMBE

Nel 2015, 600 pazienti con lesioni cutanee agli arti inferiori


TREVISO - Una task force multidisciplinare di specialisti per i pazienti con lesioni cutanee alla gambe, come piaghe da decubito, ulcere vascolari, piede diabetico, ustioni, lesioni da trauma. La sta mettendo a punto l'Ulss di Treviso. Nel 2015, nell'azienda sanitaria, le persone ricoverate per questo tipo di problematiche sono state circa 600, di cui, in particolare, 300 all'Ospedale Ca' Foncello di Treviso. Il trend è confermato nel primo semestre del 2016 con circa 300 ingressi.
“Tra le cause della patologia – spiega Giorgio Berna, primario di Chirurgia Plastica dell'Ulss 9 - soprattutto il progressivo invecchiamento della popolazione, l'aumento di malattie, come diabete e obesità. In questi ultimi anni, si è registrato un aumento del 20% delle lesioni cutanee croniche”. Per circa metà di questi malati, a causa delle frequenti amputazioni o danni muscolari, questa malattia risulta invalidante. Per le ulcere del piede diabetico si registra un’incidenza del 15% tra i pazienti con il diabete. Le ulcere da pressione o da decubito affliggono circa l’8% dei pazienti ospedalizzati e tra il 15% e il 25% di quelli delle strutture di lungodegenza o case di riposo.
Sul tema, l'unità di Chirurgia plastica organizza un convegno, il prossimo 2 dicembre, intitolato: “Approccio multidisciplinare: la gestione del paziente con lesioni cutanee dell’arto inferiore”
“Questo tipo di approccio è in linea con le strategie che stanno portando alla costituzione di una Ulss unica provinciale – sottolinea il direttore generale Francesco Benazzi -. La uniformità dei trattamenti è uno dei principali obiettivi per portare maggior efficienza e maggior attenzione verso il paziente oltre che un risparmio per l’organizzazione. La Chirurgia Plastica, centro hub di riferimento per le province di Treviso e Belluno, sarà protagonista in questa attività trasversale tra i diversi ospedali del territorio”.