Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un convegno sul tema il 2 dicembre promosso dalla Chirurgia plastica

ALL'ULSS TREVIGIANA UNA TASK FORCE PER LE FERITE ALLE GAMBE

Nel 2015, 600 pazienti con lesioni cutanee agli arti inferiori


TREVISO - Una task force multidisciplinare di specialisti per i pazienti con lesioni cutanee alla gambe, come piaghe da decubito, ulcere vascolari, piede diabetico, ustioni, lesioni da trauma. La sta mettendo a punto l'Ulss di Treviso. Nel 2015, nell'azienda sanitaria, le persone ricoverate per questo tipo di problematiche sono state circa 600, di cui, in particolare, 300 all'Ospedale Ca' Foncello di Treviso. Il trend è confermato nel primo semestre del 2016 con circa 300 ingressi.
“Tra le cause della patologia – spiega Giorgio Berna, primario di Chirurgia Plastica dell'Ulss 9 - soprattutto il progressivo invecchiamento della popolazione, l'aumento di malattie, come diabete e obesità. In questi ultimi anni, si è registrato un aumento del 20% delle lesioni cutanee croniche”. Per circa metà di questi malati, a causa delle frequenti amputazioni o danni muscolari, questa malattia risulta invalidante. Per le ulcere del piede diabetico si registra un’incidenza del 15% tra i pazienti con il diabete. Le ulcere da pressione o da decubito affliggono circa l’8% dei pazienti ospedalizzati e tra il 15% e il 25% di quelli delle strutture di lungodegenza o case di riposo.
Sul tema, l'unità di Chirurgia plastica organizza un convegno, il prossimo 2 dicembre, intitolato: “Approccio multidisciplinare: la gestione del paziente con lesioni cutanee dell’arto inferiore”
“Questo tipo di approccio è in linea con le strategie che stanno portando alla costituzione di una Ulss unica provinciale – sottolinea il direttore generale Francesco Benazzi -. La uniformità dei trattamenti è uno dei principali obiettivi per portare maggior efficienza e maggior attenzione verso il paziente oltre che un risparmio per l’organizzazione. La Chirurgia Plastica, centro hub di riferimento per le province di Treviso e Belluno, sarà protagonista in questa attività trasversale tra i diversi ospedali del territorio”.