Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Verranno eliminati asperitÓ e piccoli scalini e sistemati appositi segnali

MENO BARRIERE ARCHITETTONICHE, TREVISO A MISURA DI TUTTI

Lavori in Borgo Cavour, via S. Liberale e via D'Annunzio


TREVISO - Treviso a misura di tutti. Prosegue il progetto di abbattimento delle barrire architettoniche nel centro storico di Treviso. Questa mattina i tecnici del settore lavori pubblici con la ditta incaricata hanno iniziato i nuovi interventi in Borgo Cavour con la sistemazione della pavimentazione in trachite all'angolo con via Caccianiga in direzione del museo e poi a ritroso su via S. Liberale e via D'Annunzio, verso piazza Vittoria, dove invece i lavori, attorno al palazzo delle Poste e al Riccati, sono stati completati la scorsa estate.
Si tratta di piccoli interventi diffusi volti a sistemare le lastre in trachite, i tozzetti di porfido e l'asfalto, per eliminare le asperità ed i dislivelli che sono un impedimento e un ostacolo per tutte le persone con mobilità ridotta e le persone ipovedenti. L'intervento verrà completato con l'apposita segnaletica tattile a terra lungo i medesimi tratti. I lavori verranno conclusi a gennaio.

"La scelta dell’amministrazione comunale di migliorare la qualità urbana di alcuni percorsi significativi del centro storico di Treviso nasce da un nuovo rapporto con le associazioni che rappresentano le persone disabili in ambito comunale – sottolinea l’assessore alla Cura e al benessere urbano, Ofelio Michielan -. Alcune di queste associazioni si sono riunite in un gruppo denominato GAAC per collaborare con l’amministrazione e condividerne le scelte, anche in tema di abbattimento delle barriere architettoniche. La scelta condivisa è quella di considerare strumento guida fondamentale il Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA) ed il suo aggiornamento. Siamo così intervenuti in questi mesi per risolvere delle emergenze evidenziate e per adeguare alcuni dei percorsi ritenuti più significativi ed urgenti come il collegamento tra la stazione ed i principali luoghi di interesse anche turistico”.
Nei mesi scorsi sono stati adeguati i tratti urbani suddivisi in stralci di esecuzione a partire da via S.Caterina fino a via Roma. Il tratto da Piazza dei Signori al Museo Santa Caterina che comprende via Indipendenza, Via Santa Margherita, Via San Leonardo (e relativo ponte) e via Santa Caterina, fino a Piazzetta Botter; da Piazza Borsa alla Riviera Santa Margherita, con via Toniolo, via S. Pancrazio, Vicolo Bortolan, un breve tratto di riviera Garibaldi, ponte Santa Margherita e Riviera Santa Margherita e dalla Stazione dei treni a Piazza dei Signori, comprendendo i portici del palazzo dei Trecento e gli attraversamenti in Piazza Indipendenza e Via Calmaggiore. Il costo complessivo del progetto ammonta a circa 380mila euro, ricavati da contributi regionali, risorse proprie del Comune e dell'’Ipa - Intesa programmatica d’area.