Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/197: IL RITORNO DI TOGER WOODS

Il campione di nuovo sul green nel "Torneo degli eroi"


NASSAU - Un evento atteso, e da molti auspicato: il fuoriclasse Tiger Woods 41enne di Cypress (California), si rimette in gioco. È sceso in campo dal 30 novembre al 3 dicembre all’Albany Golf Course (par 72) di Nassau, a New Providence sulle isole Bahamas, praticamente a casa sua,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/196: AD ALICANTE LA SFIDA ITALIA - SPAGNA DEI GIORNALISTI

Vincono gli iberici, ma è festa per tutti


ALICANTE (SPA) - Ad Alicante, il match “Periodistas España-Italia”, la tradizionale sfida dei giornalisti spagnoli nostri antagonisti, in un clima di grande amicizia. È il più cordiale e allegro tra gli incontri internazionali che nella stagione vede i giornalisti...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oggi la superficie totale nella Marca non supera il 5%

OBIETTIVO 30% DEL PROSECCO DA UVE BIO ENTRO IL 2020

La proposta lanciata in un convegno di Confagricoltura e Cia


TREVISO - Realizzare il 30 per cento della produzione di prosecco da uve biologiche. E' l'obiettivo proposto entro il 2020 dal convegno "Il bello del bio", promosso da Confagricoltura e Confederazione italiana agricoltori di Treviso.
L'obiettivo è tutelare l'ambiente naturale e garantire la genuinità del prodotto, ma anche intercettare un mercato in crescita, i cui consumatori, secondo varie indagini, sono costituiti in prevalenza da donne, residenti in città e di livello sociale medio-alto.
Ivo Nardi, noto produttore che già sta utilizzando queste metodologie, ha proposto che l'intera area della Docg Conegliano - Valdobbiadene si converta al bio. In Italia la superficie coltivata con criteri biologici è pari a 1.387.913 ettari, di cui quasi la metà concentrata tra Sicilia, Calabria e Puglia. Il Veneto registra una crescita del 3,7 % annua, con una superficie pari a circa 16.000 ettari di coltivazioni biologiche. La provincia di Treviso ricalca il trend di crescita regionale, con una sensibilità in aumento anche nel settore vitivinicolo, dove è terza in Veneto (dopo Venezia e Padova) per superfici che seguono i metodi di produzione: il 5% del totale. A frenare gli agricoltori - è stato spiegato - sono soprattutto i timori degli agricoltori di non riusciere a fronteggiare malattie delle piante e attacchi di parassiti, come la cimice asiatica.