Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'intervento al convegno promosso dall'Urologia di Conegliano

"REPARTI OSPEDALIERI PIÙ TECNOLOGICI E SPECIALIZZATI"

Il consigliere regionale Villanova spiega la nuova sanità veneta


TARZO - Si è concluso con grande successo anche quest’anno, l’annuale convegno sul tema della riorganizzazione del sistema sanitario e sulle ultime novità a livello mondiale, sulla diagnostica e nuove terapie chirurgiche-oncologiche, riguardanti le neoplasie uroteliali del rene e della vescica. Questo interessante appuntamento, al quale hanno partecipato oltre duecento medici, la maggior parte specialisti del settore e docenti universitari si è svolto presso l’Auditorium della Banca Prealpi di Tarzo, il tutto organizzato anche quest’anno, dal primario di Urologia dell’ospedale di Conegliano Valerio Salvatore. Presente per l’occasione, anche il consigliere regionale Alberto Villanova, componente della V° commissione Sanità in Regione, il quale ha seguito molto da vicino la riforma della sanità regionale appena approvata. L’intervenuto di Villanova, è stato molto apprezzato, in quanto è servito a fare un po’ il punto sulla situazione regionale veneta, considerata oggigiorno un’eccellenza a livello nazionale, come certificato dall’università Tor Vergata di Roma, in base ad una statistica sulla qualità dei servizi, ed anche sull’equilibrio economico finanziario della sanità, una sanità in Veneto che non produce “buchi economici” erogando prestazioni di alta qualità. Lo dimostra il fatto che, non solo il 97% dei pazienti che abitano in Veneto si curano nella loro regione perché hanno grande fiducia delle prestazioni sanitarie ma, moltissimi pazienti giungono anche da fuori, perfino dal meridione. Villanova ha poi allargando l’obbiettivo su ciò che dovrà essere la nuova organizzazione della sanità regionale ed anche su quelli che dovranno essere i nuovi reparti a livello territoriale, assicurando a questi, non solo i migliori specialisti, ma anche l’acquisto di tutti i macchinari di ultima generazione. “Acquisti –ha dichiarato Alberto Villanova- che non vengono mai fatti a caso, ma eseguiti in base alle esigenze dei vari reparti ed alle richieste dei primari interessati”. “E’ chiaro che - ha ribadito Villanova - si cercherà di centralizzare, perché non è più pensabile far coesistere reparti simili a distanza di 10-15 chilometri. Quindi, meno reparti ma più tecnologici e qualificati. L’esperienza ha dimostrato che, non é il chilometro in più a fare la differenza, bensì la qualità del servizio. Tutti gli ospedali, in futuro dovranno quindi trovare la loro caratterizzazione, per non farsi una inutile concorrenza”.
Diego Berti