Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Affiancheranno i controllori e sorveglieranno fermate e aree sensibili

MOM, LA SICUREZZA SALE A BORDO DEGLI AUTOBUS

Da lunedì in servizio i primi tre specilisti della vigilanza


TREVISO - MoM, la sicurezza sale a bordo. Mobilità di Marca, azienda del trasporto pubblico locale trevigiana, è partner della Regione Veneto nel progetto di inserimento lavorativo di nuove figure professionali: gli “specialisti nella gestione della sorveglianza e del controllo”. Da lunedì 5 dicembre saranno in servizio i primi tre operatori, ma l’obiettivo è di inserire fino a otto addetti che, ultimato il periodo di perfezionamento in azienda che durerà sino a tutto febbraio 2017, MoM valuterà se stabilizzare.
“Gli specialisti nella vigilanza saranno impiegati in due compiti delicati: il primo, prevede l'affiancamento dei nostri accertatori, a supporto nelle attività di controllo a bordo dei bus o in soccorso agli autisti nel caso di chiamata per disordini, oppure di palesi trasgressori a bordo – spiega il direttore generale Giampaolo Rossi - il secondo compito, riguarda la sorveglianza “a terra” delle aree di attesa dei bus, quali lungo Sile Mattei a Treviso, Montebelluna, Conegliano, piuttosto che in fermate particolarmente sensibili. Le figure individuate sono formate per gestire al meglio le criticità”.
Si tratta di operatori che hanno seguito nell’ultimo anno un percorso di addestramento curato da Pianeta Formazione (organismo accreditato da Regione Veneto) e focalizzato in azioni di vigilanza passiva, nella gestione di situazioni di emergenza e nell’utilizzo di strumenti per il controllo (digitali e radio) con attenzione per i luoghi dedicati alla mobilità ad alta frequentazione (aeroporti, stazioni ma anche trasporti urbani). Il primo gruppo di operatori, da lunedì in servizio per MoM, si potrà facilmente identificare da parte dell’utenza: indosserà infatti un corpetto ad alta visibilità di colore giallo (differente da quelli arancioni abitualmente in uso al personale MoM).
“Crediamo fortemente in questa iniziativa – afferma il Presidente MoM, Giacomo Colladon – la gestione della sicurezza è questione delicata che richiede grande professionalità, sia nelle modalità di intervento in caso di emergenza, ma anche e soprattutto nella prevenzione delle situazioni di pericolo. MoM ha finora fatto tanto in questo campo, ricordo solo la video sorveglianza nell’autostazione di Treviso, e gli accordi con le Forze dell’Ordine nell’Alta Marca. Ora facciamo un passo ulteriore a garanzia non solo della nostra utenza e dei nostri lavoratori”.
 Il progetto “la sicurezza sale a bordo” si inserisce nella recente campagna di sensibilizzazione "Vita in bus", lanciata lo scorso ottobre, e dedicata alla promozione di buone pratiche nell’utilizzo dei bus al fine di superare le tensioni manifestatesi all'inizio dell'anno scolasti