Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Treviso ha fatto più di quanto prescritto dalle linee guida"

"SMOG, SERVONO MISURE SU SCALA PIU' VASTA"

L'assessore Franchin sollecita anche gli altri Comuni


TREVISO - “Ridurre l’utilizzo dell’auto a favore della mobilità sostenibile e del trasporto pubblico, abbassare la temperatura delle abitazioni ed evitare la combustione di bio masse. Sono queste le tre regole di condotta per fare del bene non solo alla nostra città, ma anche alla salute nostra e dei nostri bambini”, sottolinea Luciano Franchin, assessore ai beni ambientali del Comune di Treviso, riguardo all'emergenza smog in città. Sono queste anche le indicazioni contenute nelle linee guida regionali che indicano come il nostro territorio in questo momento sia al primo livello di criticità: una situazione in cui le prescrizioni regionali prevedono proprio l’estensione dell’informazione per limitare e contrastare il fenomeno. "L’amministrazione comunale di Treviso ha fatto di più - nota l'assessore -: oltre all’informazione abbiamo emesso un’ordinanza specifica che prescrive la riduzione di tutti i consumi inquinanti: sia per le auto sia per i riscaldamenti domestici”.
Secondo Franchin, "
Treviso continua a fare la sua parte, da un lato con l’applicazione dell’ordinanza e dall’altro spingendo all’adozione di stili di vita sostenibili. Purtroppo da soli non si fa nulla: i livelli registrati dal capoluogo indicano la necessità di una condivisione su una scala più ampia, certamente provinciale e regionale, dei provvedimenti che non possono essere applicati a macchia di leopardo. Invitiamo quindi i cittadini a continuare a mantenere comportamenti virtuosi. Certo, se la situazione dovesse peggiorare, come previsto anche dalle linee guida regionali, le misure di contenimento potrebbero diventare più restrittive”.