Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/264: PIERO TARUFFI, L'"UOMO FRECCIA"

Un evento alla Montecchia celebra l'ingegnere- pilota


PADOVA - Atleti, piloti, e Vip al Golf della Montecchia, sabato 25 maggio, a celebrare Piero Taruffi, la “Volpe argentata”. L’evento, nella sua terza edizione, intende essere una giornata di celebrazione dell’indimenticabile pilota. Ci sarà il concorso di eleganza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La bcc di Vedelago segna più 20% nella raccolta gestita

PIETRO PIGNATA: "NON SIAMO MUCCHE DA MUNGERE"

Il presidente di Credito Trevigiano all'attacco del salva-banche


VEDELAGO - Credito Trevigiano si appresta a chiudere un 2016 in ulteriore crescita. I primi dati provvisori e parziali, infatti, riferiti fino al mese di novembre, indicano che la raccolta complessiva è aumentata del 2,7% rispetto al 31 dicembre dello scorso anno, gli impieghi vivi sfiorano i 700 milioni e i conti correnti hanno raggiunto il numero di 40.672.
Ma il presidente Pietro Pignata, nel tradizionale incontro a Villa Emo con i 243 dipendenti per lo scambio degli auguri, ha voluto anche togliersi qualche sassolino dalle scarpe: "Quando si parla di salvataggi delle banche - ha sottolineato - dobbiamo fare capire che noi non siamo mucche da mungere chiamate a salvare, non solo le nostre consorelle in difficoltà, ma anche le altre banche che poi sul territorio ci faranno una spietata concorrenza. Allora invece di dividersi, il credito cooperativo deve pensare a consolidarsi creando quell’unità di intenti che per ora non si vede”.
La bcc con sede a Vedelago, intanto, punta a confermare il trend di crescita anche nella raccolta gestita, che segna un più 20 % pari a circa 40 milioni di euro e che sarà la vera partita da vincere per tutte le banche italiane. "I parametri economici della banca sono migliorati - ha spiegato il direttore generale Claudio Giacon - anche perché, se in futuro si penserà ad una eventuale aggregazione, vogliamo essere in grado di decidere i tempi e valutare il vantaggio economico che ne può derivare per i soci ed i clienti".
Il presidente della Federazione Veneta delle BCC Ilario Novella, che è anche vicepresidente di Credito Trevigiano, ha ricordato che in tre anni la Federazione è intervenuta per sostenere 10 consorelle in difficoltà e che le banche di credito cooperativo sono rimaste le uniche banche a capitale interamente veneto e con soci veneti. ”Per questo - ha concluso - abbiamo un motivo in più per valorizzare le persone, dai dipendenti ai soci, ed essere i family banker del futuro a servizio delle comunità locali”. Ora anche in Credito Trevigiano si attende con molta attenzione il decreto che il governo dovrà emanare venerdi prossimo e che riguarderà, appunto, aspetti fiscali che incideranno sull’operatività delle Banche di credito cooperativo.