Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'evento inserito nel calendario di Aspettando l'Adunata

GLI ALPINI ASPETTANO IL NATALE AL BOSCO DELLE PENNE MOZZE

Da 18 anni si ritrovano al memoriale per l'accensione del ceppo


CISON DI VALMARINO - Vigilia di Natale al Bosco delle Penne Mozze, in Valle di San Daniele a Cison di Valmarino. Il tradizionale appuntamento alpino in calendario sabato 24 dicembre, alle 15.30, quest’anno si arricchisce di un risvolto importante, poiché rientra nel programma “Aspettando l’Adunata del Piave”, quale evento supportato dalle quattro Sezioni Ana di Vittorio Veneto (nel cui territorio rientra il Bosco), Valdobbiadene, Conegliano e Treviso.
Il programma prevede una presentazione dell’incontro a cura del presidente del “Comitato Bosco delle Penne Mozze”, Claudio Trampetti, i canti del coro Col di Lana diretto dalla maestra Sabrina Carraro, la suggestiva accensione del ceppo natalizio unita alla lettura di brani tratti dalle lettere dei soldati al fronte. Concluderà il pomeriggio una preghiera e la benedizione dello Spadino dell’allievo della Scuola Militare Teuliè di Milano Giacomo Lucheschi.
Inaugurato l'8 ottobre 1972, il Bosco delle Penne Mozze è situato in una posizione panoramica delle prealpi, raggiungibile superando l’abitato di Cison. Si tratta di un memoriale immerso nella natura, che si estende su un’area di oltre 16mila metri quadri di terreno, nato dall’idea del professor Mario Altarui di “ricordare con un pianta ed una stele tutti i caduti alpini nati in provincia di Treviso”.
Quel sogno si è trasformato in realtà grazie all’entusiasmo del Gruppo Alpini di Cison ed a quelli che insieme hanno investito tempo ed energie a costruirlo. La cerimonia si svolge in un terreno acquistato nel 1972 dal Comune di Cison di Valmarino e concesso in comodato d'uso al Gruppo Alpini di Cison grazie ad una convenzione; è stato volte più volte ampliato e ospita numerose piante, i sentieri dedicati alle Medaglie d’Oro Alpine Trevigiane, e 2403 stele in ricordo dei caduti ad opera del maestro Simon Benetton, scomparso di recente.
Qui nel 1998, in occasione dell’ottantesimo anniversario della Vittoria, nella Grande Guerra, su iniziativa del professor Gino Perin e della Sezione Ana di Vittorio Veneto, alcuni alpini si raccolsero la vigilia di Natale per accendere il ceppo tradizionale, in segno di ricordo e vicinanza con quanti passarono i tristi giorni di Natale sui campi di battaglia. Era un piccolo gruppo di 18 alpini con il vessillo sezionale e 5 gagliardetti. Di anno in anno i partecipanti sono aumentati e quest’anno la cerimonia riveste un ruolo notevole poiché si colloca tra gli eventi preparatori alla 90esima Adunata nazionale, l’Adunata del Piave, in calendario a Treviso dal 12 al 14 maggio 2017.
“Dopo quasi vent’anni – spiegano gli organizzatori – quel momento di raccoglimento che pochi ritenevano potesse durare, si è trasformato in un importante e sentito appuntamento, segno della necessità di condivisione e di spiritualità”.