Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nominato un pool di esperti per studiare i vari problemi

PEDEMONTANA VENETA, FINISCE L'ERA DEL COMMISSARIO

L'opera passa sotto la competenza della Regione


VENEZIA - Tenendo fede a quanto annunciato nei mesi scorsi, il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, ha deciso di non prorogare la gestione commissariale straordinaria governativa per la Superstrada Pedemontana Veneta. La gestione dei lavori dell'arteria destinata a collegare Montecchio Maggiore, in provincia di Vicenza, con Spresiano, nella Marca trevigiana, ricadono ora interamente nelle competenze della Regione Veneto.  
Palazzo Balbi, si sta quindi organizzando per il passaggio di consegne, con il commissario straordinario, Silvano Vernizzi, ex amministratore di Veneto Strade, a cui l'opera era affidata dal 2009.
La posa della prima pietra dei quasi 95 chilometri della prima superstrada a pagamento d'Italia è avvenuta il 10 novembre 2011.
Il lavoro in questi ultimi mesi si è incentrato sulle possibili soluzioni ai problemi emersi. La Regione, proprio in vista dell'imminente fine della gestione commissariale, ha costituito un gruppo di lavoro per studiare possibili soluzioni. Ne fanno parte, Marco Corsini, avvocato dello Stato, esperto in materia di contratti e appalti pubblici e membro del comitato scientifico della Regione, Velia Leone, avvocato esperto in diritto comunitario e finanza di progetto, gli avvocati Bruno Barel, Pietro Calzavara, e Diego Signor tutti dello Studio legale Barel  e la professoressa Veronica Vecchi, economista esperta in finanza di progetto, anch'ella membro del Comitato scientifico regionale.
Per prima cosa, l'amministrazione regionale ha affidato tramite gara un incarico a Redas Engineering di Bologna e Area Engineering  per la determinazione di uno studio di traffico indipendente e aggiornato: si tratta degli stessi consulenti incaricati per il Passante di Mestre, le cui stime, per quell'infrastruttura, si sono rivelate corrispondenti alla realtà. Sono stati poi rivisti gli atti e i rapporti contrattuali.